SPAZIO PUBBLICITARIO DISPONIBILE

47° Rally Il Ciocco e Valle del Serchio: sontuoso elenco iscritti

APERTURA DEL CAMPIONATO ITALIANO ASSOLUTO RALLY – CIAR SPARCO 2024.
Presenti quasi al completo, tra i 109 iscritti, tutti i grandi piloti del rallismo tricolore, insieme a giovani ma già concrete realtà, per un confronto davvero di alto livello. Sfida aperta al campione in carica CIAR Sparco Andrea Crugnola, grande attesa per il debutto assoluto della Toyota GR Yaris Rally2, con “Giando” Basso al volante, Paolo Andreucci torna sulle sue strade. Sfida al calor bianco anche tra le Due Ruote Motrici.

Si preannuncia uno spettacolo di grande spessore quello che si prepara ad andare in scena con il 47° Rally Il Ciocco e Valle del Serchio, i prossimi 15 e 16 marzo. Il Campionato Italiano Rally Assoluto Sparco si presenta con le carte in regola al via di una stagione che promette di essere davvero entusiasmante, come compete alla massima espressione del rallismo tricolore. Organization Sport Events ha lavorato duramente per offrire un Rally Il Ciocco come sempre palcoscenico ideale per un evento profondamente amato da queste parti. E non solo.  Il premio è stato un elenco iscritti davvero sontuoso, per qualità di equipaggi al via ma anche per quantità, con ben 109 adesioni e oltre trentacinque Rally2, le “top” car, al via.
“Il nostro rally è ormai un “must” nello scenario italiano e anche oltre – sottolinea Valerio Barsella, dal tavolo di comando del “Ciocco” – e ci fa piacere che l’intera provincia sia coinvolta. La città di Lucca, Garfagnana e Mediavalle, con strade nate per i rally, Castelnuovo Garfagnana, Barga, Il Ciocco. Importante anche la presenza attiva, al nostro fianco, dell’Automobile Club di Lucca”. 
 
UN RALLY IL CIOCCO DENSO DI GRANDI ASPETTATIVE SPORTIVE E CON NOVITA’ IMPORTANTI.
Difficile stilare un elenco conciso dei tanti motivi sportivi importanti e suggestivi all’interno del prossimo Rally Il Ciocco.
Possiamo partire da Andrea Crugnola, con Pietro Ometto e la Citroen C3 Rally2 alla caccia del loro quarto titolo tricolore. Tre volte campione italiano (2020, 2022 e 2023) e tre volte primo al “Ciocco” negli ultimi quattro anni, lasciando solo la vittoria del 2021 ad un certo Thierry Neuville, pilota ufficiale del Mondiale Rally, senz’altro Crugnola è l’uomo da battere, su queste prove speciali. Che vedranno l’atteso debutto – e questa è la grande “prima” della gara e del CIAR Sparco 2024 – della Toyota GR Yaris Rally 2 (che già ha mostrato i muscoli nel WRC2), schierata da Toyota Gazoo Racing Italy per il fuoriclasse, più volte campione europeo e italiano, Giandomenico Basso, con Lorenzo Granai alle note, secondo nel Ciar Sparco 2023. Non è voluto mancare alla gara sulle strade di casa Paolo Andreucci – vincitore otto volte, più di tutti, da queste parti -, affiancato da Briani sulla Citroen C3 Rally2.
Nel doppio confronto tra Assoluto Rally e Campionato Promozione, si allarga, dunque il confronto tra Costruttori. Arriva Toyota, si rinforza oltremodo Citroen, Skoda come sempre predomina numericamente nell’elenco, ma anche Hyundai e Volkswagen sono ben rappresentate. Punte di diamante del plotone Skoda Fabia, nelle versioni Evo e la più recente RS, sono il rientrante e plurititolato Simone Campedelli, con Tania Canton alle note, il velocissimo sloveno Bostjan Avbelj, con Andrejka, quarto assoluto e primo nel CIRP Sparco dello scorso anno, due giovani in piena crescita, anche internazionale, come il trentino Roberto Daprà, con Guglielmetti, e il bresciano Andrea Mabellini, con Virginia Lenzi a fianco. Poi ancora Marco Signor, con Michi, Luca Bottarelli, con Fenoli, il forte pilota locale Rudy Michelini, con Angilletta, Ivan Ferrarotti, con Bizzocchi, Nicola Sartor, con Mattucci, “Pedro”, con Baldaccini e Luca Panzani, con Pinelli, vincitori del Ciocco CRZ 2023. Accennavamo alla pattuglia Citroen C3 Rally2. Che oltre a Crugnola e Andreucci, vede al via un Damiano De Tommaso, con Sofia D’Ambrosio, in cerca di riscatto, e Giacomo Scattolon, con Zanni. Tra i protagonisti di vertice ci possiamo sicuramente attendere Andrea Nucita, con Pollet, a bordo della Hyundai i20N Rally2. Ci sono poi un’altra quindicina abbondante di Rally2 affidate a piloti di valore, che magari potrebbero affacciarsi nelle zone nobili della classifica, come Alessandro Re, con Menchini, che utilizzeranno una Volkswagen Polo GTI Rally2, Francesco Aragno, con Giancarla Guzzi, Antonio Rusce, con Farnocchia, Gianluca Tosi, con Del Barba. Citazione obbligatoria per due equipaggi polacchi, con due Skoda Fabia Evo: quello del campione nazionale 2023 Grzegorz Grzyb, con Binieda, e di Zbigniew Gabrys, con Sadowski. Sarà tutto da seguire anche la sfida tra le “Dame”, ben quattro, agguerriti equipaggi, tre dotati di vetture Rally 2. Come la Citroen C3 di Rachele Somaschini, campionessa tricolore in carica, con Fabio Salis alle note e le due Skoda Fabia di Sara Carra, con Sara Torielli, e di Arianna Doriguzzi, con Elena Sica. Una Renault Clio Rs Rally5 sarà invece la macchina utilizzata da Maira Zanotti, con Tania Bernardi.
Onorando, come ormai consolidata consuetudine, la gara di casa, di cui sono i “patron”, al via anche Andrea Marcucci, con Gonnella (Skoda Fabia Rally2) e il figlio Luigi Marcucci, con Vellini (VW Polo GTI Rally2).

ATTESA GRANDE LOTTA ANCHE NEL CIAR SPARCO 2 RUOTE MOTRICI
Affollata di pretendenti di valore anche la corsa alla vittoria tra le Due Ruote Motrici. In questa categoria è la Peugeot 208 Rally4 la regina, mentre il vero e proprio “re” 2023 è stato il versiliese Gianandrea Pisani, campione italiano 2RM. Che si presenta anche quest’anno, con Moriconi alle note, per difendere il primato. Tra la ventina circa di sfidanti, da tenere d’occhio Moreno Cambiaghi, con Giulia Paganoni a fianco, Gabriel Di Pietro, con Dresti (unico su Renault Clio Rally4) e Giorgio Cogni, con Brachi, rispettivamente terzo, quarto e quinto nel CIAR 2RM 2023, cui si aggiungono altri accreditati avversari come Edoardo De Antoni, con Federica Mauri, Christopher Lucchesi, con Ancillotti, Emanuele Fiore, con Casalini, Fabrizio Andolfi Jr, con Iguera, il giovane Davide Pesavento, con Zaramella, vincitori del Campionato Italiano Rally Junior 2023, Mattia Vita, con Foresto, Alex Ferrari, con Nobili. Altra “mosca bianca” nel “panorama 208”, la interessante Opel Corsa GS Rally4 di Emanuele Rosso, con Brovelli alle note.

SPUNTI DI INTERESSE DAL CAMPIONATO ITALIANO R1 E DAL TROFEO SUZUKI
Con sedici vetture iscritte, il Trofeo Suzuki mostra vitalità anche nella stagione 2024, edizione numero 17 del monomarca. Le cui vetture, come nel 2023, vanno poi ad occupare anche le posizioni di vertice del Campionato Italiano R1. Al Rally Il Ciocco, assente il campione in carica Matteo Giordano saranno invece presenti, tra gli altri, Roberto Pellè, con Franceschini, Sebastian Dallapiccola, con Andrian, e Alessandro Forneris, con Rodighiero, rispettivamente secondo, terzo e quarto nel Campionato R1 2023 e nel Trofeo. Sulle strade di casa, da tenere d’occhio l’esperto Stefano Martinelli, con Grilli alle note. Da seguire con attenzione anche il plotone di Renault Clio Rs Rally5 al via, ben otto.

IL PROGRAMMA DI GARA
La partenza del 47° Rally Il Ciocco e Valle del Serchio sarà data venerdì 15 marzo, alle ore 15.00, dalla città di Lucca, capoluogo della Provincia, nella cornice dello storico Caffè delle Mura, grazie alla collaborazione del Comune di Lucca e dell’Automobile Club di Lucca. La giornata di venerdì 15 marzo vedrà anche il debutto, per il Ciar Sparco 2024, della Qualifying Stage, altra novità di questa stagione, fase di prove libere/qualifiche per tutti i piloti prioritari e iscritti con vetture di classe Rally2/R5, al fine di stabilire l’ordine di partenza del rally. La scelta delle posizioni di partenza, in base alla Qualifying Stage, verrà effettuata a Lucca, presso il Caffè delle Mura, con una cerimonia dedicata alle ore 14.15 del venerdì, poco prima dello start della gara.
L’arrivo finale di sabato 16 marzo, è previsto nella storica piazza principale di Castenuovo Garfagnana.
Il cuore pulsante del rally rimane invece nella Tenuta Il Ciocco, sede tradizionale fin dalla prima edizione del 1976.
Il Parco Assistenza ritorna a Castelnuovo Garfagnana, nella zona degli impianti sportivi, che ospiterà anche le Verifiche Tecniche. Le Verifiche Sportive si svolgeranno, invece, nella particolare location della Distilleria Indie a San Piero in Campo, presso Barga. La località di Camporgiano sarà sede di due Controlli a Timbro.
La giornata di venerdì 15 marzo vedrà anche il debutto, per il Ciar Sparco 2024, della Qualifying Stage, fase di prove libere/qualifiche per tutti i piloti prioritari e iscritti con vetture di classe Rally2/R5, al fine di stabilire l’ordine di partenza del rally, che precederà di poco, come orario, lo Shakedown.
La scelta delle posizioni di partenza, in base alla Qualifying Stage, verrà effettuata a Lucca, presso il Caffè delle Mura, alle ore 14.15 del venerdì, poco prima dello start della gara.
Qualifying Stage, Shakedown e la Speciale Spettacolo, che verrà trasmessa in diretta tv da ACI Sport nel pomeriggio del venerdì, avranno come scenario la Tenuta Il Ciocco.
Per quanto riguarda il percorso di gara, saranno in totale 11 le prove speciali (“Pegnana”, “Ciocco 1 ACI sport live”, “Monteceneri”, due passaggi su “Careggine”, due passaggi su “Renaio”, altri due passaggi sulla “Ciocco” e due passaggi su “Puglianella”) in programma nei due giorni di gara, con tre “crono” nella giornata di venerdì e le altre otto al sabato.
Foto: Actualfoto
Fonte: Leo Todisco Grande

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
continua con gli

Articoli Correlati

La MRC Sport al 2° Rally di Scandinavia

Il giovanissimo portacolori della MRC Sport Liam Muller, “navigato” da Alexander Hirsch su Opel Corsa, ha preso parte dal 13 al 15 giugno al Bauhaus Royal Rally of Scandinavia, terzo round del Campionato Europeo Rally FIA 2024. Questo il suo resoconto: “L’inizio del rally è stato molto positivo per noi, siamo riusciti ad abituarci rapidamente

Le caratteristiche del 1° Rally Lana Storico Regularity Rally

Il Campionato Italiano Rally di Regolarità riparte da Biella dove ad attendere i partecipanti c’è un percorso con oltre cento rilevamenti e numerosi cambi di media. A tre giorni dalla chiusura sono già in numero importante le iscrizioni pervenute. A pochi giorni dalla chiusura delle iscrizioni al 1° Rally Lana Storico Regularity Rally prevista per

error:
Torna in alto