SPAZIO PUBBLICITARIO DISPONIBILE

Battista Sias verso il Rally Terra Sarda

Proseguono gli impegni sportivi per Battista Sias e questa volta scende dalla sua A112 con cui è protagonista negli slalom e “abbraccia” momentaneamente i rally e sarà al via del 11⁰ Rally Terra Sarda. La gara Sarda organizzata dalla Porto Cervo Racing sarà valida per il Coppa Rally di Zona 9, del TER – Tour European Rally e del TER Series e vedrà i migliori specialisti della disciplina al via.
Sias sarà in gara con una Peugeot 106 di classe A6 del Team Galiazzo e al suo fianco ci sarà Raffaele Scanu come navigatore, rafforzando così la già collaudata collaborazione.
La gara si svolgerà su undici tappe più uno Shakedown iniziale sabato mattina con l’impegno nei 2,01 km della prova Gallura – Fonti di Rinaggiu. Poi si inizierà con le Prove Speciali vere e proprie, dove si partirà con Calangianus “Le Sugherete – Gimar” di 10,13 km per poi passare alla PS2 Tempio Pausania “I graniti di Gallura – Cala Costruzioni” di 4,53 km. Nella PS3 e nella PS4 si ripeteranno i percorsi delle prime due prove. Sabato si concluderà la giornata con la PS5 di Luogosanto “I castelli di Luogosanto” di 4,62 km.
Domenica si ripartirà con le altre prove speciali con la PS6 che sarà l’impegnativa Aglientu “Stazzi di Gallura – Grimaldi” di 12,42 km, poi si passerà alla breve Arzachena “Città di Arzachena – Aire” di 1,55 km e alla Porto Cervo “Costa Smeralda – Ayla Project” di 5,12 km. Nelle rimanenti tre tappe, si effettuerà nuovamente la speciale di Arzachena, per poi concludere con Aglientu e Porto Cervo dove i piloti in gara raggiungeranno la tanto voluta pedana finale.
Fonte e foto: Ufficio Stampa Battista Sias

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
continua con gli

Articoli Correlati

Presentata la 21ª edizione del Rally Italia Sardegna

Svelati anche gli ultimi dettagli della prossima tappa italiana del Mondiale Rally, attesa sugli sterrati dell’Isola dei Quattro Mori dal 30 maggio al 2 giugno. “Il RIS è un patrimonio per il nostro Paese, frutto del solido matrimonio con la Sardegna” ha commentato il Pres. ACI Sticchi Damiani. 87 equipaggi rappresenteranno 34 nazionalità nell’evento iconico

error:
Torna in alto