SPAZIO PUBBLICITARIO DISPONIBILE

In sessantuno al via del Città di Bolca 2023

Tutto è pronto per aprire le danze della quindicesima edizione dello slalom scaligero con Zanoni chiamato a difendere il numero uno ed il record del tracciato.
Chiuse ufficialmente le iscrizioni si entra nel vivo della quindicesima edizione dello Slalom Città di Bolca, classica scaligera tra le porte che si appresta ad accendere i motori per l’imminente fine settimana, tra Sabato e Domenica prossimi.
Tra i sessantuno iscritti occhi puntati indubbiamente sul vincitore della passata edizione, quell’Alessandro Zanoni che scenderà in campo da detentore del record assoluto del tracciato, alla guida della sua Norma NP03, pronto a tenere a bada l’agguerrita concorrenza.
Primi indiziati, nella rosa dei pretendenti alla corona d’alloro, saranno certamente Nicola Grazioli (Gloria C8 Kawasaki), Ronny Marchegger (Osella PA21 Suzuki) ed Andrea Grammatico (Radical SR4 Suzuki), ai quali si aggiungeranno due specialisti dello slalom come Marco Tessari (Fiat 500 Suzuki) e Giuseppe Lobacco (Fiat 126 Kawasaki).
Si preannuncia una bella battaglia tra le E1 Italia, con Riccardo Pisa (Autobianchi A112 Abarth) ad aprire il gruppo, mentre tra le GS il favorito sarà indubbiamente Franco Quintarelli (Fiat 127).
Aria di rally al Città di Bolca con due splendide Skoda Fabia R5, vetture non proprio adatte al contesto, che saranno condotte in gara da Stefano Cracco e da Diego Zantedeschi, alle quali si unirà l’intramontabile Renault Clio Maxi Kit Car, portata sul campo da Ivano Costantini.
Nutrita la presenza anche nei gruppi N ed A, con il primo che darà vita anche al Memorial Marco Albertini, messo in palio per il miglior pilota veronese di classe N1600.
Il secondo trofeo speciale, il Memorial Enea Dal Zovo, sarà invece dedicato al primo pilota classificato, a livello assoluto, residente nel comune di Vestenanova.
Nuova generazione ben rappresentata con tre Under 23 al via: Michele Mecenero (Citroen AX), Mattia Bombieri (Renault Clio RS) e Thomas Salgaro (Peugeot 208 R2).
Due le dame pronte a dare battaglia, Elisa Serafin (Citroen Saxo) e Claudia Chiusole (Peugeot 106 Rallye), mentre saranno in tre a giocarsi il trofeo dedicato alle auto storiche.
Confermate le validità per il Bolca targato 2023, dalla Coppa di Zona Slalom 1 al Trofeo d’Italia Slalom in zona centro nord, senza dimenticare l’ambito Trofeo Veneto Trentino +.
Fulcro della due giorni dedicata al motorsport sarà la cittadina di Bolca, ad iniziare da un 30 Settembre che, in piazza Eichstatt, vedrà svolgersi le attività di verifica sportiva e tecnica.
Domenica 1 Ottobre, a partire dalle ore 9, fuoco alle polveri con le tre manche di gara.
Si ricorda che la strada provinciale diciassette, da Vestenanova a Bolca, sarà chiusa al traffico dalle ore 8 di Domenica 1 Ottobre fino alla chiusura della manifestazione, verso le ore 18.

“Grazie al Comune di Vestenanova, in particolare al Sindaco Stefano Presa, ed alla Pro Loco di Bolca” – racconta Cristian Albertini (presidente Media Rally) – “per averci accolto nel loro territorio, per il quindicesimo anno. Grazie a tutti i ragazzi di Vestenanova e di Bolca perchè, specialmente nell’ultima settimana, si sono fatti in quattro. Grazie a tutti i nostri partners e ad Omega, sempre al nostro fianco. Siamo soddisfatti del nostro elenco iscritti e ci aspetta una lotta serrata. Abbiamo al via tutti i migliori slalomisti di zona ed anche alcuni rallysti locali conosciuti che, per amicizia e divertimento, hanno deciso di dare la loro adesione.”
Fonte: ufficio stampa
Foto: Manuel Marino

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
continua con gli

Articoli Correlati

Presentata la 21ª edizione del Rally Italia Sardegna

Svelati anche gli ultimi dettagli della prossima tappa italiana del Mondiale Rally, attesa sugli sterrati dell’Isola dei Quattro Mori dal 30 maggio al 2 giugno. “Il RIS è un patrimonio per il nostro Paese, frutto del solido matrimonio con la Sardegna” ha commentato il Pres. ACI Sticchi Damiani. 87 equipaggi rappresenteranno 34 nazionalità nell’evento iconico

error:
Torna in alto