Rally Piancavallo a chilometro zero

Tanti i driver pordenonesi che si stanno preparando alla sfida di casa.
Tira lungo fino alla mezzanotte di sabato 26 agosto la possibilità di iscriversi al 36° Rally Piancavallo, che andrà in scena venerdì 1 e sabato 2 settembre con epicentro Maniago e prove speciali sulle valli dell’arco pedemontano da Aviano a Vito d’Asio. Quinto round del Campionato Italiano Rally Asfalto 2023, il Piancavallo riporta nel circuito tricolore una tradizione di eccellenza mai dimenticata, orgoglio dell’Automobile Club Pordenone con impegno organizzativo assunto in grande stile da Knife Racing. Gara faro, icona sportiva, principio ispiratore per i driver pordenonesi di ieri, oggi e (si spera) domani, è lecito attendersi una nutrita partecipazione dei locali, dal pluridecorato Luca Rossetti su Hyundai i20 Rally2 Friulmotor al giovane rampante figlio d’arte Matteo Doretto con una Renault Clio Rally5 della Gima, protagonista stagionale del Campionato Italiano Rally Junior. Loro due sicuri di prendere il via, ma molti altri pronti a mettersi in gioco per un ruolo da protagonisti. E per questo obiettivo servono vetture da classifica assoluta tipo la Skoda Fabia Rally2 che guiderà Alessandro Prosdocimo, primo nel 2021 al Piancavallo versione Nazionale. Analoga vettura ceca bramano di avere a disposizione Marco Zannier, a sua volta primo al Piancavallo 2014 versione Nazionale, e Dimitri Tomasso, terzo assoluto l’anno scorso. Il Piancavallo è un sogno ad occhi aperti che si rinnova per “Zeta”, pseudonimo da corsa per Diego Valente, vincitore dell’edizione storica 2017 su Lancia Delta Integrale e stavolta al volante di una Peugeot 106 Gruppo A. Ma anche per Enrico Zille, nuovamente deciso a recitare da outsider su Peugeot 106 Maxi, e Stefano Facchin su Peugeot 208 R2 che il Piancavallo ha tenuto a battesimo nel 2019 con successo di Classe N2, pure loro con fortissime motivazioni da sfida casalinga e supporto di allegra tifoseria. In lista di attesa diversi altri papabili, tra cui Cristian Secondin, Alessandro Lusso, Stefano Peruch e Denis Babuin.
Fonte e foto: ufficio stampa
Foto: 2Emmephotorace

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
continua con gli

Articoli Correlati

7° Rally Internazionale Storico Costa Smeralda: le prove e gli orari

A poche ore dallo start della gara organizzata da ACI Sassari, si forniscono informazioni e dettagli utili sulle località e le strade interessate. Con l’avvio delle verifiche sportive presso il Conference Center di Porto Cervo la settima edizione del Rally Internazionale Storico Costa Smeralda entra nella fase decisiva; di seguito, si forniscono alcune informazioni sugli

Team Bassano in forze al Rally Storico Costa Smeralda

Sfiorano le tre decine gli equipaggi della scuderia veneta, presente in massa al secondo round del CIRAS e del Trofeo A112 Abarth. Sono ben ventinove gli equipaggi del Team Bassano iscritti all’edizione 2024 del Rally Storico Costa Smeralda, ventotto dei quali in gara nel rally e un ulteriore, quello formato da Leopoldo Di Lauro e

Trofeo A112 Abarth: ecco la dozzina del Costa Smeralda

Dopo il rinvio del Rally Campagnolo la Serie organizzata dal Team Bassano riparte dalle speciali del rally sardo con dodici equipaggi, tre dei quali all’esordio. L’attesa di rivedere le A112 Abarth sfidarsi nuovamente dopo il Rally delle Vallate Aretine si sta per concludere grazie all’imminente Rally Storico Costa Smeralda. A seguito del rinvio a data

error:
Torna in alto