Tra motorismo e cultura Ruote nella Storia conquista anche Oristano

Ruote nella Storia torna ad appassionare con un altro coinvolgente appuntamento che, domenica 19 novembre, ha raccolto entusiasmo e partecipazione ad Oristano e in alcune località della sua Provincia nella parte centro-occidentale della Sardegna. 
Con grande impegno da parte dell’Automobile Club Oristano, diretto da Claudio Bigiarini con il supporto del Commissario Straordinario Giulio Pes di San Vittorio, anche questa nuova tappa del raduno dedicato al prestigio delle auto d’epoca ha ottenuto il suo successo meritato. 

Importante anche la collaborazione degli enti locali, a partire dall’Amministrazione Comunale della città sede dell’AC locale che ha compreso appieno lo spirito della manifestazione promossa da ACI Storico e Automobile Club d’Italia: ovvero promuovere l’importanza delle realtà locali con la loro cultura, la loro arte e la loro tradizione, coniugandola alla valorizzazione della storia dell’automobilismo e della sua fondamentale influenza positiva nell’evoluzione del motorismo. 

In questa occasione, la Sardegna, in quanto terra ricca di tesori e bellezze ma anche terra di motori e motorismo sportivo, si è prestata ad essere lo sfondo ideale che ha dato particolare enfasi all’evento.
-“La giornata è andata molto bene e posso dire che si è trattata di una grande manifestazione partecipata da tanti piloti e tanti appassionati – ha raccontato con entusiasmo Giulio Pes Di San Vittorio, Commissario Straordinario dell’AC Oristano – Un bellissimo giro a Cuglieri con la visita al Seminario Pontificio, molto bello e con un importante carico di storia. La mattina è partita da Oristano e più precisamente da Piazza Eleonora, dove abbiamo trovato grande accoglienza da parte di Massimiliano Sanna, Sindaco di Oristano, che ha condiviso sin da subito l’importanza dell’evento Ruote nella Storia e della mission di ACI. Spero che questo sia stato l’inizio di una serie di eventi che si potranno svolgere nel territorio di Oristano e che Ruote nella Storia abbia potuto spianare la strada per il futuro. Intanto, sento di voler ringraziare tutti gli equipaggi che hanno partecipato a questa edizione, così come i luoghi che ci hanno ospitato compreso il ristorante Ros’e Mari dove si sono svolti pranzo e premiazioni. Sono altamente convinto che l’iniziativa di ACI Storico sia veramente un patrimonio che l’Automobile Club d’Italia ha lanciato e che deve mantenere con tutte le forze per continuare a farlo crescere e consolidarlo come eccellenza dell’automobilismo storico in Italia”.-

La giornata del 19 novembre, come accennato dal Commissario Straordinario dell’Automobile Club Oristano, è partita da Piazza Eleonora, la piazza dedicata ad Eleonora d’Arborea e che si trova nel cuore del centro storico nel quale si affacciano edifici ricchi di fascino e storia posti attorno alla statua della “giudicessa”, che domina la piazza e abbraccia il complesso architettonico degli Scolopi, l’elegante palazzo Corrias-Carta e il settecentesco palazzo Mameli.
La carovana di auto d’epoca provenienti da diversi angoli della Sardegna si è poi mossa in direzione Cuglieri, paese in Provincia di Oristano che vanta uno scenario paesaggistico mozzafiato e una storia piena di tratti salienti. Tra le passeggiate che hanno caratterizzato la tappa a Cuglieri anche la visita all’ex Seminario Vescovile, per tanto tempo sede dell’Università Pontificia.

Gli oltre 40 equipaggi che hanno preso parte all’evento di Ruote nella Storia a Oristano, tra qui solo per citarne alcuni esclusivi modelli di Alfa Romeo, Austin, Corvette, Ferrari e Porsche, hanno poi vissuto un momento di automobilismo sportivo ripercorrendo le strade della Cronoscalata Cuglieri-La Madonnina. Si sono svolte, infatti, nella stessa giornata le prove cronometrate di regolarità che hanno attraversato i tornanti della SP 19 fino all’arrivo in località La Madonnina alla quota di 869 m s.l.m., a circa cento metri dal limite territoriale del comune di Santu Lussurgiu. A concludere l’evento il pranzo conviviale, le premiazioni e i saluti con un auspicante appuntamento alle prossima edizione. 
In questa stagione 2023, intanto, Ruote nella Storia torna ancora il 25 novembre con la tappa organizzata grazie ad AC Padova.
Fonte e foto: ufficio stampa ACI Storico | Rosario Giordano
Le fotografie pubblicate sotto sono state gentilmente concesse da Gabriele Pusceddu del Club Alfa senza filtro.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
continua con gli

Articoli Correlati

Inaugurata l’edizione 2024 dei Vespa World Days

MIGLIAIA DI VESPISTI PROVENIENTI DA TUTTO IL MONDO HANNO GIÀ INVASO PONTEDERA NEL PRIMO GIORNO DEL GRANDIOSO RADUNO. IL TAGLIO DEL NASTRO AL VESPA VILLAGE, MENTRE AL MUSEO PIAGGIO SI È APERTA LA MOSTRA “VESPA ALL OVER THE WORLD”. CONSEGNATA ALLA POLIZIA DI STATO UNA SPECIALE VESPA GTS, CHE APRIRÀ LA SPETTACOLARE PARATA DI SABATO

7° Rally Internazionale Storico Costa Smeralda: le prove e gli orari

A poche ore dallo start della gara organizzata da ACI Sassari, si forniscono informazioni e dettagli utili sulle località e le strade interessate. Con l’avvio delle verifiche sportive presso il Conference Center di Porto Cervo la settima edizione del Rally Internazionale Storico Costa Smeralda entra nella fase decisiva; di seguito, si forniscono alcune informazioni sugli

Team Bassano in forze al Rally Storico Costa Smeralda

Sfiorano le tre decine gli equipaggi della scuderia veneta, presente in massa al secondo round del CIRAS e del Trofeo A112 Abarth. Sono ben ventinove gli equipaggi del Team Bassano iscritti all’edizione 2024 del Rally Storico Costa Smeralda, ventotto dei quali in gara nel rally e un ulteriore, quello formato da Leopoldo Di Lauro e

error:
Torna in alto