SPAZIO PUBBLICITARIO DISPONIBILE

Virdis-Giordo nella top ten della “Stella Alpina”

Nello splendido scenario delle Dolomiti, l’equipaggio formato da Alessandro Virdis e Silvia Giordo, su Porsche 356 A Speedster del 1956 (Registro Italiano Porsche 356), ha conquistato il nono posto assoluto e il podio di categoria alla “Stella Alpina 2023”.
La cultura del motorismo unita alle tradizioni e alle bellezze naturalistiche del territorio. La “Stella Alpina 2023”, organizzata dall’Automotoclub Storico Italiano e patrocinata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, dal Comune di Trento e dal Comitato Paralimpico Provinciale di Trento, ha rinverdito i fasti di un grande nome nel panorama motoristico internazionale, con una tradizione che risale agli anni ’40 e ’50 del 1900.
Sulle belle e impegnative strade delle Dolomiti era presente anche un equipaggio sardo. Alla “Stella Alpina 2023”, dopo tre tappe, 70 prove di abilità e oltre 460 chilometri, la coppia formata da Alessandro Virdis e Silvia Giordo su Porsche 356 A Speedster del 1956 (Registro Italiano Porsche 356) ha conquistato il nono posto assoluto e la terza posizione nella categoria “Celebration”.

L’evento, partito venerdì 8 settembre dall’Aeroporto “Gianni Caproni” di Trento, ha percorso la Valsugana, il passo Redebus, la Val di Fiemme e raggiunto la Val di Fassa e Canazei.
Sabato 9, partendo da Canazei, i partecipanti hanno affrontato i più impegnativi e affascinanti passi dolomitici: Sella, Falzarego, Staulanza e Valles. Il rientro finale a Trento è avvenuto domenica 10 settembre attraverso il passo di Costalunga e Lavis.
“Fino all’anno scorso era stata organizzata dall’ACI, quest’anno è rientrata sotto il patrocinio dell’ASI e devo dire che la Scuderia Trentina Storica ha rivalutato completamente la gara organizzandola come meglio non si poteva fare!”, ha commentato Alessandro Virdis. “Settanta equipaggi di cui almeno 15 tra i più forti regolaristi italiani si sono dati battaglia sulle 70 prove cronometrate. Ma si è anche girato molto sui passi dolomitici. Sella, Gardena, Falzarego, Valparola e Giau tra i più belli e caratteristici. Tre giorni di sole pieno, come difficilmente si trovano a settembre in montagna, hanno fatto una cornice stupenda intorno alla gara.

Alla premiazione era presente anche il Ministro delle Infrastrutture e Trasporti Matteo Salvini invitato dal Presidente dell’ASI Alberto Scuro in quanto fautore dell’emendamento “Targhe Storiche” recentemente approvato dal Parlamento e tendente alla conservazione e ripristino delle targhe originali sui veicoli d’epoca radiati e reimmatricolati con targhe moderne.
Ci siamo classificati noni assoluti e terzi della categoria “Celebration” – ha concluso Alessandro Virdis – soddisfatti comunque della prestazione pur non rendendo come ci si sarebbe dovuto aspettare! Ad Maiora Semper e forza paris!”.
Le fotografie sono state gentilmente concesse da Alessandro Virdis.
M.T.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
continua con gli

Articoli Correlati

Presentata la 21ª edizione del Rally Italia Sardegna

Svelati anche gli ultimi dettagli della prossima tappa italiana del Mondiale Rally, attesa sugli sterrati dell’Isola dei Quattro Mori dal 30 maggio al 2 giugno. “Il RIS è un patrimonio per il nostro Paese, frutto del solido matrimonio con la Sardegna” ha commentato il Pres. ACI Sticchi Damiani. 87 equipaggi rappresenteranno 34 nazionalità nell’evento iconico

error:
Torna in alto