A Vico del Gargano tappa super partecipata di Ruote nella Storia

Partecipazione grandiosa ed incredibile entusiasmo per la tappa foggiana di Ruote nella Storia che si è svolta domenica 17 settembre a Vico del Gargano, località dalle affascinanti caratteristiche che ha fatto sì che la manifestazione nata dall’idea di ACI Storico e il forte supporto dell’Automobile Club d’Italia sia risultata, anche in questa tappa, una giornata memorabile e all’insegna della condivisione come ha dimostrato anche la numerosissima affluenza da parte degli equipaggi partecipanti. 
In questa occasione fondamentale la collaborazione dell’Automobile Club di Foggia, presieduto da Raimondo Ursitti e diretto da Pasquale Elia, che grazie al suo preziosissimo impegno ha reso l’appuntamento inserito nel circuito dei prestigiosi auto raduni dedicati alle vetture d’epoca un vero successo. 

Vico del Gargano è riconosciuto come il “Borgo dell’Amore”, caratteristica che i partecipanti alla manifestazione hanno potuto riconoscere nei suggestivi vicoletti e archi che rendono questa località, il cui patrono è proprio San Valentino, oltre che affascinante sicuramente romantica. Come in ogni tappa di Ruote nella Storia l’intento promosso è rimasto solidamente ancorato nel suo obiettivo, ovvero quello di valorizzare la ricchezza territoriale e tradizionale d’Italia unita alla ricchezza culturale rappresentata dall’automobilismo d’epoca. 
Situato nell’entroterra del nord del Gargano, non lontano da Rodi Garganico e Peschici, Vico presenta un’affascinante centro storico di origine medioevale e conserva molte delle caratteristiche originali ed architetture tipiche dei piccoli borghi collinari del sud Italia, nei quali è possibile ammirare stili diversi. Custodisce, tra le sue meraviglie, il castello edificato dai normanni nel 1167 ed ampliato da Federico II nel 1240, la cinta muraria con le caratteristiche torri a base tonda del 1292 e le numerose chiese.

-“È andato tutto benissimo – tiene a sottolineare Pasquale Elia, Direttore dell’Automobile Club di Foggia – abbiamo, persino, superato l’obbiettivo che ci eravamo prefissi, ovvero quello di dare agli appassionati di automobilismo la possibilità di visitare un luogo particolare, riscoprendo posti bellissimi. Abbiamo riscontrato, infatti, tanta armonia e sinergia tra tutti i partecipanti appassionati di automobilismo, cultura, storia e cibo locale. Il numero di partecipanti è stato davvero corposo, ma fortunatamente siamo riusciti a coordinare tutto con soddisfazione”.

Numerosissima la partecipazione che ha visto ben 64 equipaggi prendere parte all’evento organizzato dall’AC Foggia. Tra le tante meravigliose vetture presenti una Alfa 2600p Sprint del 1965, una MG A, una Fiat 500 Vignale, una Morris Minor Traveller del 1971, una Fiat 124 Sport Cabrio 1.8 del 1971, una Lancia Beta Spyder 1.8 Z. del 1975, una BMW 3.0 Csl del 1972, una Jaguar XJ S Convertibile V12 del 1989 e altri bellissimi “gioielli” della cultura automobilistica e della sua storia. 
Ospite d’onore di questa intensa giornata tra arte, storia, tradizione e, indubbiamente, automobilismo Lucio Peruggini, reduce dalla vittoria del 7° titolo di Campione Italiano GT Velocità Montagna su Ferrari 488. Sportivo che con la sua professionalità ha impreziosito un evento che ha inteso sottolineare l’importanza dell’evoluzione tecnica e tecnologica nell’automobilismo.

Un appuntamento ricco di soddisfazione anche quello di Vico del Gargano che lascia presupporre indubbiamente una quarta edizione. Per quest’anno, tuttavia, Ruote nella Storia continua a regalare altri splendidi viaggi tra le meraviglie del nostro patrimonio nazionale. Nei prossimi giorni l’evento torna, infatti, il 23 settembre a Montemurolo e il 24 settembre con i pluri-appuntamenti a Castello di Meano, Varese, Vogogna – Valle Vigezzo e Riccione – Mondaino.
Fonte: Rosario Giordano Ufficio Stampa ACI Storico

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
continua con gli

Articoli Correlati

7° Rally Internazionale Storico Costa Smeralda: le prove e gli orari

A poche ore dallo start della gara organizzata da ACI Sassari, si forniscono informazioni e dettagli utili sulle località e le strade interessate. Con l’avvio delle verifiche sportive presso il Conference Center di Porto Cervo la settima edizione del Rally Internazionale Storico Costa Smeralda entra nella fase decisiva; di seguito, si forniscono alcune informazioni sugli

Team Bassano in forze al Rally Storico Costa Smeralda

Sfiorano le tre decine gli equipaggi della scuderia veneta, presente in massa al secondo round del CIRAS e del Trofeo A112 Abarth. Sono ben ventinove gli equipaggi del Team Bassano iscritti all’edizione 2024 del Rally Storico Costa Smeralda, ventotto dei quali in gara nel rally e un ulteriore, quello formato da Leopoldo Di Lauro e

Trofeo A112 Abarth: ecco la dozzina del Costa Smeralda

Dopo il rinvio del Rally Campagnolo la Serie organizzata dal Team Bassano riparte dalle speciali del rally sardo con dodici equipaggi, tre dei quali all’esordio. L’attesa di rivedere le A112 Abarth sfidarsi nuovamente dopo il Rally delle Vallate Aretine si sta per concludere grazie all’imminente Rally Storico Costa Smeralda. A seguito del rinvio a data

error:
Torna in alto