Ciclismo. Sedda, Carta e Lovicu oro anche a Pabillonis

Sedda, Carta e Lovicu oro anche a Pabillonis. Sono loro i vincitori del 1° Ciclocross Parco dei Bambini. La stagione del Downhill si chiude nel segno dell’Olbia Racing Team.
È andata in archivio col segno positivo, domenica a Pabillonis, la prima storica edizione del Trofeo Ciclocross Parco dei Bambini.
La kermesse, organizzata dalla ASD Pingiadas Bike, ha visto al via tutte le categorie agonistiche e amatoriali lungo il tracciato, divertente e impegnativo, di 2,1 km ricavato all’interno della pineta Parco dei Bambini.
La prima gara di 10.50 km ha visto il successo assoluto di Emanuel Sedda (Fabio Aru Academy Villacidro) che ha chiuso la contesa in 30’18, davanti a Daniele Santamaria (SC Monteponi Iglesias, 30’44) e Alessandro Santoru (Dueppi Cycling Project, 31’05).
Per Sedda si tratta del terzo sigillo stagionale nella disciplina.
Lo Junior Pier Andrea Carta (Unione Ciclistica Guspini) ha centrato invece addirittura il poker stagionale vincendo la seconda competizione in programma, quella di 14.70 km.
Carta è arrivato davanti a Simone Satta (Pedale Siniscolese) e Mauro Deriu (Veloclub Sarroch).
Trionfo, infine, del solito Andrea Lovicu (Bike Team Demurtas Nuoro) nella terza e ultima gara, quella più lunga di 21 km. L’esperto Master 3 nuorese, al suo secondo successo nella stagione in corso, ha preceduto di pochi secondi Andrea Pillai (2000 Ricambi) e Nicola Saba (UC Guspini).
Ecco gli altri vincitori: Esordienti 1° anno Ettore Cabboi (Donori Bike Team); Esordienti 2° anno Leonardo Onida (Fabio Aru Academy). Allievi 1° anno: Andrea Balliana (Arkitano MTB). ELMT: Adrian Llorente Delgado (AlgheroBike). U23: Alessio Fois (Crazy Wheels).
ED: Maura Lai (Gialeto 1909). DA: Martina Canargiu (Arkitano MTB). DJ: Sara Murgia (Veloclub Sarroch), W4: Daniela Ennas (SC Monreal Bike).

Lo spettacolo del Downhill è invece tornato protagonista, per l’ultima gara della stagione, a Padru, dove la Olbia Racing Team ha messo in piedi il Gran Prix Downhill 2023 Città di Padru.
A portare a casa il successo, tra i 45 massimi specialisti isolani della disciplina al via, è stato il solito Gianluca Cara. L’atleta padrone di casa ha chiuso la competizione col tempo di 2’20’’38 davanti ai compagni di squadra Davide Longu (2’25’’31) e Francesco Ortu (2’26’’24).
Nella classifica assoluta Amatori ha vinto invece Lorenzo Serra (2′,42″04), davanti a Gabriele Destro (2′,45″79), e Mirko Cuccu (2′,46″24), anche loro tutti della Olbia Racing Team.
Fonte e foto: Ufficio Stampa FCI Sardegna
Nella fotografia in alto, Gianluca Cara (Olbia Racing Team), vincitore del Gran Prix di Padru di Downhill e, nella fotografia sotto, Lovicu, Pillai e Saba, primi tre classificati nella gara più lunga del ciclocross Parco dei Bambini di Pabillonis.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
continua con gli

Articoli Correlati

Inaugurata l’edizione 2024 dei Vespa World Days

MIGLIAIA DI VESPISTI PROVENIENTI DA TUTTO IL MONDO HANNO GIÀ INVASO PONTEDERA NEL PRIMO GIORNO DEL GRANDIOSO RADUNO. IL TAGLIO DEL NASTRO AL VESPA VILLAGE, MENTRE AL MUSEO PIAGGIO SI È APERTA LA MOSTRA “VESPA ALL OVER THE WORLD”. CONSEGNATA ALLA POLIZIA DI STATO UNA SPECIALE VESPA GTS, CHE APRIRÀ LA SPETTACOLARE PARATA DI SABATO

7° Rally Internazionale Storico Costa Smeralda: le prove e gli orari

A poche ore dallo start della gara organizzata da ACI Sassari, si forniscono informazioni e dettagli utili sulle località e le strade interessate. Con l’avvio delle verifiche sportive presso il Conference Center di Porto Cervo la settima edizione del Rally Internazionale Storico Costa Smeralda entra nella fase decisiva; di seguito, si forniscono alcune informazioni sugli

Team Bassano in forze al Rally Storico Costa Smeralda

Sfiorano le tre decine gli equipaggi della scuderia veneta, presente in massa al secondo round del CIRAS e del Trofeo A112 Abarth. Sono ben ventinove gli equipaggi del Team Bassano iscritti all’edizione 2024 del Rally Storico Costa Smeralda, ventotto dei quali in gara nel rally e un ulteriore, quello formato da Leopoldo Di Lauro e

error:
Torna in alto