SPAZIO PUBBLICITARIO DISPONIBILE

Club Piacentino Automotoveicoli d’Epoca e Politecnico tra passato, presente e futuro dei motori: nel fine settimana appuntamento al Politecnico per “Cultura e Motori”

Prosegue la fattiva collaborazione tra Club Piacentino Automotoveicoli d’Epoca e Politecnico: venerdì 9 e sabato 10 la sede di Piacenza dell’Ateneo ospiterà la ventunesima edizione di “Cultura e Motori”, appuntamento che si propone di raccontare i “Grandi Anniversari” correlati al mondo dei motori spaziando dagli albori del motore a scoppio fino ad arrivare al futuro.
L’iniziativa è frutto della collaborazione tra l’Ateneo ed il Club Piacentino Automotoveicoli d’Epoca – con il patrocinio del Comune e della Provincia di Piacenza ed il sostegno della commissione ASI-Green – e prende spunto dalla passione per tutto ciò che gira attorno al mondo dei motori e alla storia della tecnica.
Si partirà da un doveroso ma triste ricordo: trenta anni fa, proprio all’inizio di maggio del 1994, Ayrton Senna, uno dei piloti più celebri e amati della F1, perdeva la vita in un incidente sulla pista di Imola. Una tragedia che ci riporta all’importanza della sicurezza stradale, dalla pista alle strade che percorriamo ogni giorno.
Oltre al ricordo del campione brasiliano sono moltissime le ricorrenze, a partire dal primo brevetto internazionale del motore a scoppio (a cura di Eugenio Barsanti e Felice Matteucci, nel 1854), ai 110 anni della Maserati ed ai 100 della Bugatti 35.
Dai 70 anni dell’Alfa Romeo Giulietta Sprint ai 60 anni della Porsche 911 ed ai 50 della Volkswagen
Golf e della Alfetta GTV.
Questi anniversari saranno lo spunto per dare uno sguardo al presente ed al futuro dei motori a scoppio. L’intero parco circolante, ed i veicoli d’epoca, potranno prendere parte alla transizione verso una mobilità sostenibile? Proprio da questo grande interrogativo prenderanno via i lavori e le conferenze degli esperti nel pomeriggio di venerdì tra l’evoluzione dei motori termici, la riduzione delle emissioni climalteranti con l’uso di combustibili alternativi fino alle potenzialità dell’idrogeno.
Da sempre l’evoluzione dei motori a combustione interna si interseca con quella degli aerei, ben rappresentata da alcuni propulsori aeronautici (resi disponibili dalla base di S. Damiano dell’Aeronautica Militare) che saranno esposti all’interno della sede del Politecnico.
Sabato mattina si svolgerà inoltre la presentazione di un interessante progetto che si propone di trasformare l’aeroporto di S. Damiano in un “Flying Museum” aperto ai cittadini, anche con la possibilità di esperienze di volo.
Nella stessa mattinata imperdibile tavola rotonda con i protagonisti di un’altra grande innovazione italiana: il diesel “Common Rail” che 30 anni fa ha rivoluzionato il mondo dei motori, fino a rendere il diesel il motore più efficiente, affidabile e performante oggi disponibile.
Come di consueto saranno ospiti alcuni splendidi veicoli, in esposizione sul prato e sotto i portici della sede del Politecnico.

IL PROGRAMMA DI “CULTURA E MOTORI”
Politecnico di Milano (Sede di Piacenza) – Scuola di Ingegneria Industriale e
dell’Informazione – Via Scalabrini, 76 – Piacenza
Venerdì 10 maggio 2024
Dalle 9,00 alle 18,00: Esposizione di veicoli, motori e immagini pittoriche.
Ore 15,30: Conferenze tecniche:
“Da Barsanti e Matteucci al motore a idrogeno. Passato presente e futuro del Motore a
combustione interna, nel tempo della decarbonizzazione”
– Francesco Di Lauro, Presidente Commissione ASI Green
– Giovanni Ferrara, Università di Firenze e Commissione Cultura ASI
– Giovanni Groppi, ITS Modena e Commissione Cultura ASI
– Tommaso Lucchini, Politecnico di Milano
– Michele Monno, Politecnico di Milano e Commissione ASI Green
Sabato 11 maggio 2024
Dalle 9,00 alle 17,00: Esposizione di vetture, motori e immagini pittoriche.
Ore 10,00: Conferenze tecniche.
“Aeroporto di San Damiano: il progetto Flying Museum”.
T. Col. Salvatore Occini, Comandante del Distaccamento Aeroportuale di Piacenza
“Common Rail: il miracolo italiano”, dal racconto dei protagonisti”
– Roberto Boni, Quattroruote
– Stefano Iacoponi, Progettazione Ferrari, Fiat e Alfa Romeo
– Lorenzo Morello, Progettazione Fiat e commissione Cultura ASI
– Alessandro Piccone, Progettazione Alfa Romeo e Fiat
Fonte e foto: ufficio stampa

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
continua con gli

Articoli Correlati

Alberto e Giuseppe Scapolo centrano il “6” a La Marca Classica

Ancora una vittoria, la sesta, per i portacolori della Nettuno Bologna con la Fiat 508C con la quale precedono la vettura gemella di Barcella – Ghidotti e la Lancia Lambda di Sisti – Gualandi. Vignato – Bellin con la Lancia Fulvia e Susto – Serafini su Citroen C2 sono i vincitori della “turistica” storica e moderna.

Luca Rossetti e Debora Fancoli vincono il 67° Rally Coppa Valtellina

Quinta vittoria al Coppa Valtellina per Luca Rossetti che insieme a Debora Fancoli sbaraglia la concorrenza sulla Skoda della Lion Team. Rush al cardiopalma per gli altri gradini del podio: secondi Bracchi-Rocchi e terzi Medici-De Luis. Cinquina di Luca Rossetti al Rally Coppa Valtellina. Nell’edizione 2024 il driver tiranese, navigato per la prima volta da

Claudio Arzà e Massimo Moriconi trionfano all’8° Rally Val d’Aveto

Finale sotto una pioggia battente, sul podio Federici e Gangi. Claudio Arzà e Massimo Moriconi trionfano nell’ottava edizione del Rally Val d’Aveto. La coppia della BB Competition formata dal pilota spezzino e dal navigatore toscano ha dominato la gara già dalle prime battute a bordo della Skoda Fabia RS Rally2 curata dalla Erreffe, andando a

Pistoia Corse già al lavoro per il 45° Rally Città di Pistoia

Confermato per il 5-6 ottobre sarà l’atto finale della Coppa Rally di zona 7, valido anche per il Trofeo Rally Toscano oltre che come ultima prova del Campionato Provinciale Aci Pistoia. La Scuderia Pistoia Corse da delineando i caratteri del 45° Rally Città di Pistoia, l’ultimo atto della Coppa Rally di zona 7, in programma

error:
Torna in alto