SPAZIO PUBBLICITARIO DISPONIBILE

Il 36° Rally Piancavallo è già internazionale

Al Rally Piancavallo, in programma venerdì 1 e sabato 2 settembre, tornerà a correre il tedesco Hansi Retzer navigato dalla moglie Lisa.
Le iscrizioni si apriranno solo all’inizio di agosto, ma il 36° Rally Piancavallo (1/2 settembre) ha già una prenotazione dall’estero. Il tedesco Hansi Retzer intende tornare a correre assieme alla moglie Lisa come navigatrice, stavolta con una Peugeot 208 R2, deciso a riscattare l’esito sfortunato di due anni fa quando la loro Honda Civic Type R di Classe A7 rimase bloccata sul secondo assalto al Monte Rest per un guasto alla batteria. Giusto ricordare che l’edizione 2021 fu bersagliata dal maltempo, falcidiando numerose vetture e mettendo a dura prova gli equipaggi. Ma i ricordi del driver bavarese sono comunque positivi: “Il Piancavallo mi è piaciuto molto per un’organizzazione impeccabile e la grande accoglienza riservata ai concorrenti. Splendido anche il tracciato, decisamente selettivo, con tante curve e tornanti, salite e discese. Il mio cuore da rally non potrebbe chiedere di più”. Dichiarazione di stima che gratifica Knife Racing, impegnata a mettere a punto il tracciato 2023 e l’intero assetto della corsa, consapevole di quanto l’asticella si sia alzata ora che la sfida è entrata a far parte del Campionato Italiano Rally Asfalto. “Non sapevo che una volta questa gara era valida addirittura per il Campionato Europeo – confessa Hansi – perché mi sono affacciato ai rally italiani solo da poco. Però ho scoperto il mio amore per delle prove speciali incredibili e ho quindi forti motivazioni per superare lo scoglio del Rest e riuscire a tagliare la linea del traguardo. Spero che altri team tedeschi vengano a correre qui, ne vale proprio la pena”.
Perché hai deciso di cambiare l’auto? “La Peugeot 208 R2 era l’auto dei miei sogni e adesso posso guidarla”. Un Piancavallo “bagnato” non è certo una rarità, come ti trovi in condizioni di asfalto viscido? “Premesso che mi piace guidare sotto la pioggia, è tutto nuovo con la R2, mi manca l’esperienza per sapere quanto posso andare forte”. Perché non provare la più potente “sorella” Rally4? “Magari, ma non è possibile per motivi di budget. Abbiamo pochi sponsor, quindi ci mettiamo tanto del nostro. Ma io e Lisa siamo felici e contenti di poter fare questo grande sport con la nostra vecchia R2”.
Foto: Fotosport
Fonte: ufficio stampa

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
continua con gli

Articoli Correlati

Presentata la 21ª edizione del Rally Italia Sardegna

Svelati anche gli ultimi dettagli della prossima tappa italiana del Mondiale Rally, attesa sugli sterrati dell’Isola dei Quattro Mori dal 30 maggio al 2 giugno. “Il RIS è un patrimonio per il nostro Paese, frutto del solido matrimonio con la Sardegna” ha commentato il Pres. ACI Sticchi Damiani. 87 equipaggi rappresenteranno 34 nazionalità nell’evento iconico

error:
Torna in alto