SPAZIO PUBBLICITARIO DISPONIBILE

Il 57° Rallye Elba-Trofeo Bardahl è pronto ad accendere i motori: 152 iscritti per un avvio di successo della serie IRC

Nuova performance da parte della iconica gara di Aci Livorno, che farà partire la serie IRC con il pieno di adesioni. Ancora un respiro internazionale, con otto Nazioni rappresentate in gara. Partenza, due prove speciali ed arrivo saranno trasmesse in diretta streaming a cura di Sportcultura.tv.
 
L’Isola d’Elba è pronta a dare il via ad una nuova ed emozionante edizione della sua gara di rally, una delle competizioni su strada più iconiche al mondo.
Sono 139 iscritti tra le vetture “moderne” e 13 tra le “storiche”, numeri che fanno letteralmente volare il Rallye Elba-Trofeo Bardahl, che, con un totale di 152 adesioni segna il record di iscritti.
In programma da domani, dalle ore 17,00 la partenza da Portoferraio, primo atto dell’International Rally Cup e terzo della Mitropa Rally Cup, la grande novità di quest’anno, l’evento di Aci Livorno Sport si propone sulla scena internazionale con un percorso di alta qualità, come nella migliore tradizione di una delle gare su strada italiane più conosciute al mondo.
 
Una gara che ha nel territorio la propria forza, un evento che rappresenta un forte stimolo di immagine per l’isola che proprio con il rallye a partire dalle prime edizioni alla fine degli anni sessanta ha potuto beneficiare di un ritorno di immagine evidentemente di forte impatto quanto anche dinamico, dato appunto dal motorsport. Un territorio che sta facendo sempre più rete con la gara e la sua organizzazione per favorire sempre più l’incoming in un periodo destagionalizzato, come accade da tempo con la gara “storica” di settembre.
 
La soddisfazione di una nuova edizione di grandi contenuti non solo sportivi, è espressa da Luciano Fiori, presidente di Aci Livorno Sport: “Siamo all’ennesima edizione di una competizione unica, il vanto non solo di Aci Livorno e della comunità elbana, ma certamente di tutto il motorsport italiano e internazionale. Ogni anno cerchiamo nuovi stimoli per tenere alti la tradizione e il nome del Rallye Elba e per comunicare il territorio con la dinamicità del motorsport. Speravamo, per questa edizione, di arrivare nuovamente ad un plateau di partenti importante e ci siamo riusciti, tutti noi crediamo che sia un risultato importante e gratificante per l’impegno che abbiamo profuso insieme agli Enti locali, ai nostri partner che ci danno sostegno affinché questo patrimonio sportivo, umano e culturale rimanga vivo nel tempo. E tutti insieme siamo a guardare sempre verso nuovi orizzonti. Voglio infine evidenziare il sostegno che la nostra gara sta dando alla Onlus “I sogni di Anna”, in ricordo e in onore della sfortunata bambina elbana grande appassionata di rally, scomparsa prematuramente due anni fa a causa di una rara malattia”.

PORTOFERRAIO ANCORA FULCRO DELL’EVENTO
Portoferraio è confermata cuore pulsante della gara, con partenza e arrivo oltre al prevedere la Direzione di Gara, segreteria e sala stampa all’Hotel Airone, in Località San Giovanni, sulla strada che conduce a Porto Azzurro.
La parte orientale dell’isola sarà interessata dalla corsa nella prima giornata di gara, venerdì 26 aprile, con tre prove speciali, due delle quali vedono interessata Capoliveri mentre l’indomani, sabato 27 si correrà nella parte occidentale con il fulcro sul celebre e temuto Monte Perone, sfruttando altre quattro prove. Una soluzione adottata da tempo per non essere troppo invasivi con la normalità della vita elbana, i cui cittadini sono comunque sempre entusiasti di accogliere il “loro” rallye. Partenza da Portoferraio in Viale Elba dalle 17,00, poi appunto tre impegni cronometrati e ingresso al riordinamento notturno dalle 22,45.
Sabato 27 si riprenderà la sfida dalle 9,15 che conterà quattro nuovi impegni, per veder sventolare la bandiera a scacchi dell’arrivo dalle ore 16,00 nello stesso luogo.
 
DUE GIORNI DI GRANDI SFIDE
Due giorni di gara e sette Prove Speciali – tre nella prima parte di gara e quattro nella seconda – sono la proposta di Aci Livorno Sport, uno scenario esclusivo ed un percorso ispirato alla tradizione, pur se vi sono alcune varianti e novità, per renderlo ancora più appassionante ed avvincente.
Sarà un percorso dalle due facce, quello del Rallye Elba targato duemilaventiquattro, che in buona sostanza ha di nuovo preso “il meglio” della tradizione rallistica elbana:  già “tosta” la prima tappa di domani 26 aprile, con impegni “di nome” e certamente non facili da affrontare, come i quasi 27 chilometri della “Volterraio-Cavo” e decisamente “ruvida” anche la seconda, sabato 27, con le restanti quattro “piesse” di forte impatto. Dove non mancherà la novità: quella  della prova di Marciana Marina. Si ripropongono le celebri prove del Monte Perone in direzione da nord verso sud, con la novità assoluta di un tratto di strada in uscita dall’abitato di Marciana Marina al via della prova chiamata “Marciana Marina-Marciana-Campo”, con partenza dal campo sportivo sulla SP25, in un tratto che non è stato percorso dalla gara per molti anni,  una novità che ricorda gli indimenticabili anni ’80 della gara. Si giunge poi all’intersezione con la “Civillina”, strada già percorsa in tutte le edizioni recenti dei Rallies dell’Elba per arrivare fino alle porte di Marciana e poi a Poggio, dove si incontra con la PS “Due Mari”. Nel dettaglio, saranno 102,620 chilometri competitivi a fronte del totale di 268,330. Novità anche per quanto riguarda lo “Shakedown”, in questo caso per coinvolgere sempre più Portoferraio. Si svolgerà in un tratto di strada della famosa prova “Colle Reciso”, ma in senso contrario allo sviluppo classico della prova. In sostanza si parte poco distanti dal quartier generale dell’evento, l’Hotel Airone, escludendo le abitazioni vicine. La soluzione è ottimale per i concorrenti e le loro squadre in quanto si è vicini al Parco di Assistenza.
 
LE STATISTICHE
I più vittoriosi dell’albo d’oro della competizione elbana sono due indimenticati Campioni di un passato non troppo lontano, vale a dire Dario Cerrato e Renato Travaglia, con quattro vittorie a testa. Tre soli gli elbani che hanno vinto la “loro” gara: il compianto Claudio Caselli nell’indimenticata edizione del 1992, poi Giacomelli nel 2001 e Mannoni per due volte nel 2010 e 2011, le due edizioni della rinascita della gara dopo periodi difficili, in versione “ronde” e rally2”.
In questa edizione gli equipaggi elbani completi sono iscritti in 23 e 7 sono i “singoli”, vale a dire piloti e copiloti che non hanno il compagno di avventura elbano. Sono ben 85 i driver che hanno formalizzato l’iscrizione alla serie IRC, 22 invece quelli che sono arrivati dalla MITROPA RALLY CUP. Infine, a segnare ancora il respiro internazionale della gara, sono otto le Nazioni diverse rappresentate: Austria, Francia, Germania, Grecia, Principato di Monaco, San Marino e Ungheria.
 
LE DIRETTE STREAMING
Ampio e articolato l’impegno anche di questa dizione per quanto riguarda la parte mediatica. Ai normali canali di comunicazione vi sono le piattaforme social, veri e propri contenitori di notizie e informazioni varie ma soprattutto anche per quest’anno sono state organizzate le dirette streaming. Partenza, due prove speciali ed arrivo del 57° Rallye Elba saranno trasmesse a cura di Sportcultura.tv.
 
Si inizierà la trasmissione in diretta da Capoliveri venerdì 26 aprile alle ore 16:55 il cui focus sarà il primo chilometro e 200 metri della P.S.1 a partire dal primo concorrente che prenderà il via alle ore 17:35.
La fase introduttiva della trasmissione prevede sia la pubblicazione dei saluti istituzionali che la presentazione dei luoghi elbani che interessano il percorso odierno nonché il collegamento in diretta da Portoferraio dalle ore 17:00 per seguire la partenza dei primi concorrenti. 
 
Il collegamento esterno alla P.S.1 riprenderà dalla successiva speciale “Volterraio-Cavo” in modo da offrire la copertura completa in diretta streaming relativa alla sezione 1 del Rallye Elba.
 
Il live streaming tornerà on line sabato 27 a partire dalle ore 14:20.
 
Il primo affaccio vedrà protagonista il lungomare di Marciana Marina nel corso del riordinamento 3; una buona occasione per ascoltare dal vivo le considerazioni degli equipaggi prima di affrontare la sezione finale della gara.
 
La trasmissione in diretta prosegue dalle ore 14:40 con la pubblicazione del primo chilometro della P.S. 7 “Marciana Marina – Marciana – Campo” al cui termine si avrà il collegamento di nuovo con Portoferraio per seguire l’arrivo del 57° Rallye Elba e le premiazioni.
 
Il live streaming sarà condiviso anche sulle pagine Facebook del Rallye Elba, Qui Motori, International Rally Cup e Mitropa Cup.
 
PROGRAMMA DI GARA
VERIFICHE SPORTIVE ANTE-GARA
Portoferraio Calata Mazzini c/o “La Gattaia”    
25/04/2024                  17.00-22.00
26/04/2024                  09.00-11.00
 
VERIFICHE TECNICHE ANTE-GARA
Portoferraio c/o Lungomare delle Ghiaie         
25/04/2024                  ore 17.30-22.30
26/04/2024                  ore 09.00 -13.00
 
SHAKEDOWN  
Via del Colle Reciso  26/04/2024  ore 09.00 – 14.00
 
BRIEFING
c/o Palco partenza – Viale Elba  26/04/2024  ore 15.30
 
PARTENZA                        
Portoferraio – Viale Elba  26/04/2024  ore  17.00
 
ARRIVO E PREMIAZIONE
Portoferraio – Viale Elba  27/04/2024  ore 16.00

https://www.rallyelba.com/
https://www.facebook.com/RallyeElba
Nelle foto: Luciano Fiori, presidente di Aci Livorno Sport e un passaggio di una vettura in gara
Fonte: ufficio stampa Alessandro Bugelli

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
continua con gli

Articoli Correlati

La MRC Sport al 2° Rally di Scandinavia

Il giovanissimo portacolori della MRC Sport Liam Muller, “navigato” da Alexander Hirsch su Opel Corsa, ha preso parte dal 13 al 15 giugno al Bauhaus Royal Rally of Scandinavia, terzo round del Campionato Europeo Rally FIA 2024. Questo il suo resoconto: “L’inizio del rally è stato molto positivo per noi, siamo riusciti ad abituarci rapidamente

Le caratteristiche del 1° Rally Lana Storico Regularity Rally

Il Campionato Italiano Rally di Regolarità riparte da Biella dove ad attendere i partecipanti c’è un percorso con oltre cento rilevamenti e numerosi cambi di media. A tre giorni dalla chiusura sono già in numero importante le iscrizioni pervenute. A pochi giorni dalla chiusura delle iscrizioni al 1° Rally Lana Storico Regularity Rally prevista per

error:
Torna in alto