La Ferla-Matteuzzi vincono il 44° Rally della Fettunta

Alessandro La Ferla e Giacomo Matteuzzi vincono, su Skoda Fabia, il 44° Rally della Fettunta.
Il pilota, al debutto con una vettura di categoria R5, disputa una gara autorevole e perentoria.
Vincenzo Massa secondo dopo un avvio pimpante.
Mattia Zanin è terzo e porta la Toyota Yaris GR 4×4 per la seconda volta sul podio in Italia in meno di un mese.

Un’autorevole gara del sancascianese Alessandro La Ferla, vincitore assoluto su Skoda Fabia R5 di Gima, segna la 44/a edizione del Rally della Fettunta organizzata dalla Valdelsa Corse con Scuderia Motor Team e disputata sulle strade del Chianti il 9 e 10 dicembre in condizioni di asfalto viscido e anche di nebbia.
La Ferla, navigato da Giacomo Matteuzzi, ha preso la testa del rally dalla terza prova speciale, superando Vincenzo Massa che aveva primeggiato nelle due ps del sabato. La Ferla ha inanellato sette scratch di fila vincendo, con padronanza del mezzo e delle proprie capacità agonistiche, tutte le ps della domenica fino all’arrivo di Tavarnelle Val di Pesa.
L’equipaggio ha scavato fin dal mattino un vantaggio che gli ha permesso di condurre l’ultima parte di gara in condizione di assoluto controllo della classifica concludendo i 52,7 km di prove speciali cronometrate in 34 minuti 13”6 su un percorso totale di 219,67 km.

Secondo a 43”2 si è piazzato su un’altra Skoda R5 il laziale Vincenzo Massa, navigato da Davide Bragaglia. L’equipaggio frusinate, alla prima volta nella Corsa del Chianti, ha ammesso di aver avuto difficoltà sui fondi umidi tuttavia ha vinto le prime due ps e poi ha trovato la chiave per gestire la posizione fino al traguardo.

Grande gara, ancora una volta, per il 22enne trevigiano Mattia Zanin che con Fabio Pizzol ha raggiunto il terzo posto con la Toyota Yaris Gr 4×4 del programma Ndm – BiAuto a 57”7′. Dopo un avvio di studio, Zanin ha ottimizzato le sue performance, prova dopo prova, con tempi di assoluto rilievo che confermano le sue qualità di pilota del Campionato europeo rally. E’ la seconda volta dopo il Rally di Scandicci che, sempre grazie a Zanin, la vettura della casa giapponese, marca campione del mondo rally, va sul podio in un rally in Italia ed è successo in entrambi i casi su strade in provincia di Firenze.

Quarto il portacolori della Valdelsa Corse Paolo Anselmi, di Barberino Tavarnelle, con un’altra Skoda R5, navigato da Andrea Nardini. Al quinto posto il grossetano Francesco Paolini, che fu vincitore del Fettunta 2018, su una Renault Clio Super 1600 con cui, insieme a Gianluca Fratiglioni, ha saputo scalare di forza la graduatoria nelle ultime cinque prove speciali dopo decisive scelte di gomme e di regolazioni a un modello di auto da corsa che nello scarico di potenza a terra soffre i fondi bagnati e umidi come quelli del Chianti.
Il campione italiano Due ruote motrici 2023 Gianandrea Pisani, sempre a suo agio sulle strade tecniche e difficili del Fettunta, è arrivato sesto con la Renault Clio Rally 5 insieme ad Elena Neri. Pisani ha disputato una gara eccellente per questo tipo di vettura, anche sotto il profilo della gestione tattica e tecnica. Neanche una toccata su un terrapieno verso la fine della Ps6 ha potuto sciupare la prestazione del versiliese.
Al settimo posto il veronese Daniele Fiocco sulla Clio Williams: era navigato dalla figlia 18enne Elena che ha conseguito la patente di guida fra le ricognizioni e le verifiche del Fettunta: la mattina del sabato 9 dicembre, già giorno di gara, è andata rapidamente col padre Daniele a Verona a ritirare la patente e poi insieme sono ritornati in Toscana per prendere il via. Per Elena Fiocco debutto nei rally e al Fettunta in una volta sola.
Ottavo posto per i pistoiesi Paolo Moricci con Paolo Garavaldi su una Renault Clio Rally 4, autori di una prestazione molto ammirata dal pubblico e coerente col potenziale della vettura. Nono posto per altri portacolori della Valdelsa Corse, i senesi Massimiliano Boldrini e Simone Franchi su Clio super 1600, costanti e sicuri nell’esecuzione della loro prestazione. Brillante decimo posto di rilievo per il tedesco di Baviera, Wolfgang Irlacher con Regina Miedl su Peugeot 208 Rally.
Il 16° Rally Storico della Fettunta, disputato insieme alla gara moderna sulla stessa tabella di marcia, è andato alla Lancia Delta Integrale 16 valvole di Riccardo Errani, con Emanuele Mischi alle note, in 39 minuti e 45 secondi. Eccellente secondo posto con la Peugeot 205 Gti di Massimiliano Fei e Dimitri Pistolesi della Valdelsa Corse a 1’16”08. Terzi su Vw Golf Gti Giuseppe Iacomini e Simone Marchi a 2’03”7.
Fonte: ufficio stampa
Foto: Massimiliano Piazzini

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
continua con gli

Articoli Correlati

7° Rally Internazionale Storico Costa Smeralda: le prove e gli orari

A poche ore dallo start della gara organizzata da ACI Sassari, si forniscono informazioni e dettagli utili sulle località e le strade interessate. Con l’avvio delle verifiche sportive presso il Conference Center di Porto Cervo la settima edizione del Rally Internazionale Storico Costa Smeralda entra nella fase decisiva; di seguito, si forniscono alcune informazioni sugli

Team Bassano in forze al Rally Storico Costa Smeralda

Sfiorano le tre decine gli equipaggi della scuderia veneta, presente in massa al secondo round del CIRAS e del Trofeo A112 Abarth. Sono ben ventinove gli equipaggi del Team Bassano iscritti all’edizione 2024 del Rally Storico Costa Smeralda, ventotto dei quali in gara nel rally e un ulteriore, quello formato da Leopoldo Di Lauro e

Trofeo A112 Abarth: ecco la dozzina del Costa Smeralda

Dopo il rinvio del Rally Campagnolo la Serie organizzata dal Team Bassano riparte dalle speciali del rally sardo con dodici equipaggi, tre dei quali all’esordio. L’attesa di rivedere le A112 Abarth sfidarsi nuovamente dopo il Rally delle Vallate Aretine si sta per concludere grazie all’imminente Rally Storico Costa Smeralda. A seguito del rinvio a data

error:
Torna in alto