Lo Slalom Città di Monte Sant’Angelo passa a Domenico Palumbo

Il pilota lucerino, al volante di una Radical SR4 vince la terza edizione della corsa, valida per il Trofeo Centro ACISport. Sul podio il molisano Catano e Giuseppe Palumbo. E’ Sorpresa Pietro Azzarone, quarto su kart cross.
Torna a casa lo scettro dello slalom Città di Monte Sant’Angelo. A conquistare la terza edizione della gara pugliese, valida quest’anno per il Trofeo Zona Centro ACI Sport, è stato oggi il lucerino Domenico Palumbo, al volante di una Radical SR4. Il driver della scuderia Venanzio, lo scorso anno secondo assoluto alle spalle del pluricampione italiano Fabio Emanuele, ha fermato il cronometro al tempo di 3’1”56, miglior prestazione in seconda manche, aggiudicandosi la bella sfida sui tornanti pugliesi delle celebre Macchia Monte Sant’Angelo in versione slalom. “Siamo contenti del risultato ottenuto in questa bellissima gara- ha dichiarato il vincitore- il percorso merita la sua fama e sicuramente torneremo il prossimo anno per difendere lo scettro di casa”. Ad appena sei centesimi di distacco, frutto della sola gara 1 da lui disputata, il molisano e compagno di squadra Donato Catano, a bordo di una  Suzuki Ayabusa Elegant silhouette ha guadagnato il secondo gradino del podio, davanti a Giuseppe Palumbo, driver lucerino padre del vincitore, con la sua Chiavenuto Suzuki per la scuderia Vesuvio. Come sempre, tra i protagonisti della scena slalomistici c’è un posto di rilievo per gli spettacolari kart cross.
Al quarto e quinto posto, degni di una brillante prestazione all’esordio sugli spettacolari Yacar Cross Suzuki del team Ciracì, si sono imposti il padrone di casa Pietro Azzarone, vice presidente della scuderia organizzatrice Gargano Racing Team, e il compagno di scuderia Libero Masulli.
Sesta posizione per Andrea Vassalotti, su Fiat 126 Suzuki davanti al terzo vst in gara di Matteo Bove. Completano la top ten Francesco Troiano, su Skoda Fabia R5, primo di gruppo A, Franco Serago, su Fiat 126 Kawasaki, e Giovanni Pepe su Fiat 850 Suzuki. Tra i gruppi hanno dominato Antonio Scrocca, su Fiat X 1/9 nella Prototipi Slalom, Paolo Carnevale, su vettura gemella nello Speciale Slalom, Salvatore Sammartino su Peugeot 106 in E1 Italia, Emanuele Losito su medesima vettura tra le RS Plus, Francesco Russo sulla stessa francesina di gruppo N. In Racing Start il leader è King Dragon, che rafforza il comando nel Trofeo Centro Slalom. Vittoria in solitaria per la bicilindrica 700 di Luigi Renna su Fiat 500.
La coppa dame è andata a Sandra Salotto su Citroen Saxo Vts.
Fonte: Silvana Sarli

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
continua con gli

Articoli Correlati

7° Rally Internazionale Storico Costa Smeralda: le prove e gli orari

A poche ore dallo start della gara organizzata da ACI Sassari, si forniscono informazioni e dettagli utili sulle località e le strade interessate. Con l’avvio delle verifiche sportive presso il Conference Center di Porto Cervo la settima edizione del Rally Internazionale Storico Costa Smeralda entra nella fase decisiva; di seguito, si forniscono alcune informazioni sugli

Team Bassano in forze al Rally Storico Costa Smeralda

Sfiorano le tre decine gli equipaggi della scuderia veneta, presente in massa al secondo round del CIRAS e del Trofeo A112 Abarth. Sono ben ventinove gli equipaggi del Team Bassano iscritti all’edizione 2024 del Rally Storico Costa Smeralda, ventotto dei quali in gara nel rally e un ulteriore, quello formato da Leopoldo Di Lauro e

Trofeo A112 Abarth: ecco la dozzina del Costa Smeralda

Dopo il rinvio del Rally Campagnolo la Serie organizzata dal Team Bassano riparte dalle speciali del rally sardo con dodici equipaggi, tre dei quali all’esordio. L’attesa di rivedere le A112 Abarth sfidarsi nuovamente dopo il Rally delle Vallate Aretine si sta per concludere grazie all’imminente Rally Storico Costa Smeralda. A seguito del rinvio a data

error:
Torna in alto