SPAZIO PUBBLICITARIO DISPONIBILE

Supermoto, Sammartin chiude la stagione perfetta a Viterbo

Internazionali d’Italia Wossner – Assegnati gli ultimi titoli a Tesconi, Wegscheider, Bellu, Ulman, Marini, Benvenuti e Bonafè
Finale perfetto per gli Internazionali d’Italia supermoto Wossner 2023. Dopo la gara disputata al sabato, il circuito di Viterbo termina in grande stile un weekend ad altissima intensità, con diretta televisiva integrale per la manifestazione della domenica.

Grazie all’ennesima doppietta, Elia Sammartin (TM – Gaerne) riesce nell’impresa della perfect season, cioè vincere tutte le manche del campionato. Sul podio della SM1 Pro, Sammartin è accompagnato da Fabrizio Bartolini (Honda – 04 park), che si aggiudica il titolo di vicecampione, e da Alessandro Labate (Yamaha – Ufo Frascati), che festeggia con un podio la gara di casa. Al terzo posto in campionato termina invece Luca D’Addato (TM – 8biano).
Erik Tesconi (TM – Ligurbike) conquista il titolo della SM1 Fast, legittimando la sua supremazia vincendo la gara finale. Bravo anche Nico Grazioli (TM – Bellinzago), che si dimostra in netta ripresa dopo un infortunio e coglie la seconda posizione, mentre al terzo posto c’è Emanuele Maccariello (TM – Tommaso Piccirilli), che conquista così anche il bronzo di stagione. Al secondo posto in campionato, invece, termina Tommaso Parrini (TM – Megan racing).

Nella SM4 Alessandro Sciarretta (Honda – Cida) si conferma ancora una volta il più forte e, non pago del titolo conquistato ieri, vince le due manche anche nella giornata finale. Dietro di lui è bagarre totale, con Marco Malone (Honda – Pietrinferni) che alla fine porta a casa la seconda posizione, sia in gara che in campionato. Il campione 2023 Kevin Vandi (TM – Smr) chiude la sua stagione con un terzo posto di giornata, mentre il bronzo in campionato se lo prende Iacopo Arduini (Honda – Celeste Berardi).

Marco Furega (Honda – 8biano) vince entrambe le manche della SM5, ma è Roberto Bellu (Honda – 8biano), con due secondi posti, a sfruttare al massimo l’assenza per infortunio del favoritissimo Daniele Di Cicco e a laurearsi campione. Terzo posto di giornata per Daniele Vittorio (Husqvarna – Over race).

Nella Young 250 Matteo Andreotti (TM – Como 1903), con una gara grintosa, riesce a spezzare il dominio del ceco Jan Ulman (TM), che proprio nell’ultima gara deve accontentarsi della seconda posizione di giornata dopo aver vinto tutte le manche precedenti, ma conquista comunque il titolo italiano. Terzo posto per Gabriele Monica (TM – Valstirone).

Il campione della Young 125 è Matteo Marini (KTM – Crt Smr), che nella gara finale di Viterbo vince davanti a Pietro Dalla Riva (TM – Mpr) e Giorgio Trovato (KTM – Boars nest Stazzano).

Daniele Bonafè (Yamaha – Della Futa) si laurea campione della Ama e festeggia con una bella doppietta, davanti ad Abdessamad Fares (Yamaha – Della Futa) e Giacomo Zullo (KTM – Nocera Umbra).

Già sicura del titolo conquistato ieri, Giulia Tagliamonte (Husqvarna – Trofarello) si conferma al vertice della Lady, precedendo Sara Marchioni (GasGas – Della Futa) e la tedesca Marie Louise Staab (Husqvarna).

Tra i giovanissimi della Junior, Andrea Benvenuti (KTM – Della Futa) vince entrambe le manche e completa la sua grande stagione da campione italiano. Alle sue spalle in quest’ultima giornata di Viterbo arrivano Riccardo Andreotti (KTM – Castellarano) e Daniele Cornolti (GasGas – Lavetti motorsport).

Si chiude così l’edizione 2023 degli Internazionali d’Italia supermoto Wossner. Rimane solo l’appuntamento conclusivo della stagione dello sliding, il Trofeo delle regioni, che si correrà l’1 ottobre al circuito di Pomposa.

Fonte: Alessandro Castellani Ufficio Stampa FXAction 

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
continua con gli

Articoli Correlati

Presentata la 21ª edizione del Rally Italia Sardegna

Svelati anche gli ultimi dettagli della prossima tappa italiana del Mondiale Rally, attesa sugli sterrati dell’Isola dei Quattro Mori dal 30 maggio al 2 giugno. “Il RIS è un patrimonio per il nostro Paese, frutto del solido matrimonio con la Sardegna” ha commentato il Pres. ACI Sticchi Damiani. 87 equipaggi rappresenteranno 34 nazionalità nell’evento iconico

error:
Torna in alto