Assicurazioni. La FMI per la tutela e la conservazione del patrimonio motociclistico

I motoveicoli non circolanti sulla pubblica strada e custoditi in area protetta devono poter essere conservati dai proprietari senza che sia loro imposto di accendere una assicurazione.
Continua l’azione della FMI a tutela dei motociclisti. Questa volta il tema è quello delle Assicurazioni e del recepimento, da parte dell’Italia, con un Decreto Legislativo, della Direttiva Europea 2021/2118 concernente l’assicurazione della responsabilità civile. Il testo inibisce la possibilità per un possessore di un veicolo di revocare l’assicurazione o di accenderla solo quando, saltuariamente, tale veicolo circola.
 
In pratica potrebbe non essere più possibile per chi possiede un mezzo immatricolato ma non circolante, custodirlo in garage senza spese assicurative. La nostra preoccupazione è rivolta al mondo delle moto moderne, ma anche a quello delle storiche, per le quali il fenomeno della conservazione è molto diffuso ed è naturalmente alla base della preservazione di un immenso patrimonio storico e culturale dell’ingegno meccanico che ha caratterizzato e caratterizza ancora il nostro Paese.
 
La FMI sta chiedendo a gran voce e in tutte le sedi opportune, pur nel rispetto delle indicazioni ricevute dall’Europa, che la possibilità di revoca dell’assicurazione sia presa in considerazione ed inserita nel testo, in ragione delle esigenze dei moltissimi appassionati possessori di motocicli moderni o storici.
 
Il provvedimento governativo, che ha richiesto il parere della Camere, ha ottenuto una indicazione chiara in questo senso, grazie all’impegno della Senatrice, amica dei motociclisti, Erika Stefani, che ha recepito e fatto proprie queste istanze.
 
Il presidente della FMI Giovanni Copioli ha dichiarato: “Ringrazio la Senatrice Stefani e tutti coloro che si stanno impegnando per far sì che i mezzi custoditi in luogo protetto possano continuare a non avere obblighi assicurativi. Mi auguro che il Governo recepisca le indicazioni ricevute dal Parlamento, per evitare la dispersione di un grande numero di veicoli, storici e non, che saranno rottamati o venduti all’estero, con il rischio che l’Italia perda un patrimonio storico e culturale di grande pregio.
Fonte e foto: ufficio stampa FMI

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
continua con gli

Articoli Correlati

Dalla Temperino del 1913 alle Ferrari di Pininfarina: expo ASI ad AMTS

DALLA TEMPERINO DEL 1913 ALLE FERRARI DI PININFARINA: GRANDE ESPOSIZIONE ASI ALL’INEDITO SALONE AUTO MOTO TURIN SHOW. Dal 19 al 21 aprile, al Lingotto Fiere di Torino, si svolge la prima edizione di AMTS – Auto Moto Turin Show, un momento di incontro per appassionati, collezionisti, curiosi e professionisti del settore automobilistico e motoristico. AMTS

Inaugurata l’edizione 2024 dei Vespa World Days

MIGLIAIA DI VESPISTI PROVENIENTI DA TUTTO IL MONDO HANNO GIÀ INVASO PONTEDERA NEL PRIMO GIORNO DEL GRANDIOSO RADUNO. IL TAGLIO DEL NASTRO AL VESPA VILLAGE, MENTRE AL MUSEO PIAGGIO SI È APERTA LA MOSTRA “VESPA ALL OVER THE WORLD”. CONSEGNATA ALLA POLIZIA DI STATO UNA SPECIALE VESPA GTS, CHE APRIRÀ LA SPETTACOLARE PARATA DI SABATO

7° Rally Internazionale Storico Costa Smeralda: le prove e gli orari

A poche ore dallo start della gara organizzata da ACI Sassari, si forniscono informazioni e dettagli utili sulle località e le strade interessate. Con l’avvio delle verifiche sportive presso il Conference Center di Porto Cervo la settima edizione del Rally Internazionale Storico Costa Smeralda entra nella fase decisiva; di seguito, si forniscono alcune informazioni sugli

error:
Torna in alto