L’Urban Trail illumina Cagliari ed esalta “Re Giorgio” Calcaterra

Per la seconda volta in carriera, l’atleta romano si impone nel capoluogo sardo. La brianzola Chiara Fumagalli prima tra le donne. Oltre 1300 partecipanti tra agonisti e camminatori hanno illuminato la notte di Cagliari attraversando i quartieri storici di Stampace, Marina, Villanova e Castello.
Il ritorno vincente di “Re Giorgio”, la prima di Chiara Fumagalli, una marea gialla che ha illuminato a giorno prima il maestoso Bastione e poi le vie dei quartieri storici di Cagliari, Stampace, Marina, Villanova e Castello.
 
La nona edizione dell’Urban Trail, organizzata nella serata di sabato 9 settembre dalla GLESport in collaborazione con il Comune di Cagliari e la Fondazione di Sardegna, ha infiammato e unito il capoluogo sardo come pochi eventi sanno fare, esaltando le bellezze della città, la competitività e la voglia di scoperta di oltre 1300 partecipanti, tra agonisti e camminatori.
 
Già dal tardo pomeriggio, il Bastione, luogo simbolo di Cagliari, ha iniziato a popolarsi di persone. C’era chi non vedeva l’ora di migliorare il crono dell’anno passato, magari centrando un piazzamento di rilievo, e chi non vedeva l’ora di partire per scoprire la città da un’angolatura diversa. Ed è questo, in fondo, il bello dell’Urban Trail.
 
Nella gara maschile, Giorgio Calcaterra era certamente l’atleta più atteso e lungo 10  Km di gara ha imposto un ritmo insostenibile per la concorrenza. L’atleta romano, tre volte Campione del Mondo di Ultra Maratona, ha chiuso la sua fatica in 45’13”, lasciandosi alle spalle Marco Natalini (45’31”) e Maurizio Scano (46’07”). Tra le donne, primo centro per la brianzola Chiara Fumagalli (49’16”), vincitrice davanti a Elisa Cau (52’36”) ed Erica Pintor (52’46”).

“Tornare a Cagliari è sempre un piacere – ha dichiarato Giorgio Calcaterra. – L’Urban Trail non è la gara più adatta alle mie caratteristiche perché privilegio solitamente distanze più lunghe però l’atmosfera e la qualità dell’organizzazione sono uniche. E’ un evento diverso dagli altri, ma proprio per questo bello da vivere”.
 
Sempre attento al tema della solidarietà e portavoce del progetto “Città senza Barriere” promosso dal Comune di Cagliari, l’Urban Trail ha allestito un percorso dimostrativo anche per gli atleti diversamente abili, portato a termine da una delegazione capitanata da Sandro Floris, medaglia di bronzo nella staffetta 4×100 ai Mondiali di Göteborg 1995.

Soddisfazione nelle parole del numero uno del comitato organizzatore, il Presidente di GLE Sport Gian Domenico Nieddu. “L’Urban Trail è una manifestazione diversa dagli altri e un format che piace. Stiamo ricevendo richieste anche da altre città d’Italia che non vedono l’ora di organizzare un evento come il nostro. Cagliari come al solito ha risposto presente: ringrazio l’amministrazione comunale, i partner e il team di lavoro che ci hanno permesso di regalare alla città una bellissima serata di sport e non solo”.

CLASSIFICA ASSOLUTA UOMINI
1. Giorgio Calcaterra (Calcaterra Sport ASD) in 45:13
2. Marco Natalini (UISP) in 45:31
3. Maurizio Scano (Cagliari Marathon Club) in 46:07
4. Gabriele Sechi (Polisportiva Runners Oristano) in 47:04
5. Fabio Marongiu (Gruppo Pol Assemini) in 47:11
 
CLASSIFICA ASSOLUTA DONNE
1. Chiara Fumagalli (I Bocia Verano Brianza) in 49:16
2. Elisa Cau (Polisportiva Runners Oristano) in 52:36
3. Erica Pintor (Isolarun) in 52:46
4. Erica Gessa (Runcard) in 53:43
5. Michela Salis (Atletica Selargius) in 56:02
Nelle foto, dall’alto, nell’ordine: 1) Il Bastione colorato dagli atleti dell’Urban Trail; 2) L’arrivo a braccia alzate di Giorgio Calcaterra; 3) Chiara Fumagalli (al centro) festeggia la vittoria nella gara femminile; 4) Piazza Costituzione a Cagliari ha ospitato la partenza della manifestazione; 5) I momenti che hanno preceduto la partenza dell’Urban Trail; 6) Giorgio Calcaterra intervistato dalla giornalista Valentina Caruso (Credits: Gianluca Zuddas).
Fonte: GLEsport | Urban Trail Run Press Office

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
continua con gli

Articoli Correlati

7° Rally Internazionale Storico Costa Smeralda: le prove e gli orari

A poche ore dallo start della gara organizzata da ACI Sassari, si forniscono informazioni e dettagli utili sulle località e le strade interessate. Con l’avvio delle verifiche sportive presso il Conference Center di Porto Cervo la settima edizione del Rally Internazionale Storico Costa Smeralda entra nella fase decisiva; di seguito, si forniscono alcune informazioni sugli

Team Bassano in forze al Rally Storico Costa Smeralda

Sfiorano le tre decine gli equipaggi della scuderia veneta, presente in massa al secondo round del CIRAS e del Trofeo A112 Abarth. Sono ben ventinove gli equipaggi del Team Bassano iscritti all’edizione 2024 del Rally Storico Costa Smeralda, ventotto dei quali in gara nel rally e un ulteriore, quello formato da Leopoldo Di Lauro e

Trofeo A112 Abarth: ecco la dozzina del Costa Smeralda

Dopo il rinvio del Rally Campagnolo la Serie organizzata dal Team Bassano riparte dalle speciali del rally sardo con dodici equipaggi, tre dei quali all’esordio. L’attesa di rivedere le A112 Abarth sfidarsi nuovamente dopo il Rally delle Vallate Aretine si sta per concludere grazie all’imminente Rally Storico Costa Smeralda. A seguito del rinvio a data

error:
Torna in alto