Movisport per il sociale: una automedica in dono alla Croce Rossa

La scuderia compartecipe ad un progetto di pubblica utilità, confermando il proprio amore per il territorio.
Lo sport come impegno sociale. E’ l’incipit che Movisport ha scritto in un nuovo progetto che vuole evidenziare quanto e come lo sport, in questo caso il motorsport possa essere di stimolo e di sostegno per iniziative che possano portare beneficio alla collettività.
 
Questa è l’idea che ha mosso il sodalizio reggiano, tra i più attivi in Italia ed anche a livello internazionale, a contribuire alla costruzione di una automedica da donare alla Croce Rossa Italiana – Comitato di Reggio Emilia, grazie anche al contributo di un pool di Aziende del territorio Movisport.
 
L’iniziativa è stata realizzata a seguito di un’idea promossa di Matteo Spagni, prima volontario ora dipendente della CRI di Reggio Emilia, nonché ex pilota portacolori di Movisport. Un’idea, un sogno, prontamente accolti dalla Scuderia e dal proprio direttivo.
 
La vettura è una Seat Tarraco, equipaggiata dalla Aricar/Olmedo Spa (https://www.olmedospa.it) azienda locale specializzata nella produzione di autoambulanze e automediche.
 
La presentazione si terrà nel centro di Reggio Emilia, in Piazza Martiri del 7 Luglio, davanti al teatro Romolo Valli sabato 23 settembre alle 18.30, alla presenza delle istituzioni cittadine e del territorio e del presidente della CRI – Comitato di Reggio Emilia.  Alla presentazione sono invitati tutti i cittadini e gli sportivi reggiani.
 
Per l’occasione saranno esposte anche due Skoda Fabia RS dei portacolori di Movisport Nikolay Gryazin e Alberto Battistolli che si sono appena piazzate sul 1° e 3° gradino del podio al Rally del Vermentino, valido per il Campionato Italiano Rally Terra.
 
“Siamo felici e orgogliosi, di avere aderito al progetto – dichiara Zelindo Melegari, del direttivo di Movisport – lo sport ha una ispirazione sociale, è maestro di vita, insegna valori importanti, quei valori che devono essere in ognuno di noi quando si parla di dare sostegno a chi proprio del sostegno al prossimo ha fatto la sua missione, come la Croce Rossa Italiana. Da sempre aiuta il territorio, i suoi cittadini, per cui contribuire con altre importanti aziende reggiane alla dotazione di un mezzo che sarà di pubblica utilità ci è parso la cosa più naturale possibile. Ringraziamo per averci fatti partecipi dell’iniziativa!”.
Le aziende che insieme a Movisport hanno contribuito alla realizzazione del progetto sono:
– Nuova Vimaplast Spa
– Clevertech Spa
– Corradini Soluzioni Energetiche
– Kopia Service Srl
– Autoscuola Gatti
– Sara Assicurazioni-Agenzia di Scandiano.
Nella foto: Zelindo Melegari (a destra), accanto alla vettura donata alla CRI di Reggio Emilia.
Fonte: ufficio stampa Alessandro Bugelli

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
continua con gli

Articoli Correlati

Inaugurata l’edizione 2024 dei Vespa World Days

MIGLIAIA DI VESPISTI PROVENIENTI DA TUTTO IL MONDO HANNO GIÀ INVASO PONTEDERA NEL PRIMO GIORNO DEL GRANDIOSO RADUNO. IL TAGLIO DEL NASTRO AL VESPA VILLAGE, MENTRE AL MUSEO PIAGGIO SI È APERTA LA MOSTRA “VESPA ALL OVER THE WORLD”. CONSEGNATA ALLA POLIZIA DI STATO UNA SPECIALE VESPA GTS, CHE APRIRÀ LA SPETTACOLARE PARATA DI SABATO

7° Rally Internazionale Storico Costa Smeralda: le prove e gli orari

A poche ore dallo start della gara organizzata da ACI Sassari, si forniscono informazioni e dettagli utili sulle località e le strade interessate. Con l’avvio delle verifiche sportive presso il Conference Center di Porto Cervo la settima edizione del Rally Internazionale Storico Costa Smeralda entra nella fase decisiva; di seguito, si forniscono alcune informazioni sugli

Team Bassano in forze al Rally Storico Costa Smeralda

Sfiorano le tre decine gli equipaggi della scuderia veneta, presente in massa al secondo round del CIRAS e del Trofeo A112 Abarth. Sono ben ventinove gli equipaggi del Team Bassano iscritti all’edizione 2024 del Rally Storico Costa Smeralda, ventotto dei quali in gara nel rally e un ulteriore, quello formato da Leopoldo Di Lauro e

error:
Torna in alto