Rally Piancavallo, Andrea Mabellini come Giulio Cesare: “Veni, vidi, vici”. Il 36° Piancavallo è suo

Artefice di una gara magistrale, il giovane bresciano entra nell’albo d’oro della sfida che si sta riposizionando per i giochi tricolori d’élite Rally Storico dominato dai sacilesi Pessot su Peugeot 205 Rallye.
Segnatevi il suo nome. Andrea Mabellini, navigato da Virginia Lenzi, ha vinto il 36° Rally Piancavallo, quinto round del Campionato Italiano Rally Asfalto. Aveva già mostrato numeri d’alta scuola, ma il sigillo della gara che fu palcoscenico del Campionato Europeo a massimo coefficiente fino al 2000, lo fa crescere di livello e ne fortifica le ambizioni internazionali. Il giovane bresciano, classe 1999, al volante di una Skoda Fabia preparata da Lorenzon Racing e gommata MRF, ha chiuso con il tempo totale di 56’29’’9, togliendo i punti del primo posto alla truppa tricolore. Piazza d’onore per Corrado Fontana su Hyundai i20 Wrc, battuto di 9’’9 dopo 84,140 km cronometrati, e terzo gradino del podio per Luca Rossetti su Hyundai i20 Rally2 a 23’’5. Ritiro del n.1 in gara, Simone Campedelli pure su Skoda, causa incidente nella ps 3. Giù dal podio Luca Pedersoli su Citroen Ds3 Wrc, qui vincitore l’anno scorso quando valeva per la Coppa Italia, davanti all’austriaco Simon Wagner, il molisano Giuseppe Testa, “l’aquila di Lestans” Marco Zannier, i veneti Rudy Andriolo e Paolo Menegatti, sino al decimo assoluto Dimitri Tomasso, driver di Frisanco (tutti su Skoda Fabia).

GARA. Venerdì sera la prova “Borgo di Poffabro” (4,980) ha offerto un gustoso antipasto spettacolare, con le vetture storiche prime sulla scena e graffio in 4’25’’6 di Fabio e Andrea Pessot, padre e figlio sacilesi, su Peugeot 205 Rallye. Poi le moderne fino ai primattori. Il miglior tempo di Mabellini (3’41’’0), prima volta al Piancavallo, è servito a mettere in luce il valore del driver bresciano protagonista nell’Europeo di specialità dopo aver conquistato l’anno scorso il tricolore delle 2 ruote motrici. Questa mattina nel primo assalto a “Manazzons” (5,930), Campedelli in 4’07’’5 ha rosicchiato quasi tutto il vantaggio dello scomodo rivale, portandosi a 0’’2 dalla vetta, con Pedersoli e Fontana terzo e quarto a loro volta divisi da 1’’. Una bella sorpresa il quinto provvisorio di Filippo Bravi (Hyundai i20 Rally2), alfiere Friulmotor che gioca con i grandi. Saliti su “Pradis – Valli della Preistoria” (18,750), quello che non ti aspetti: Campedelli ko per una toccata all’anteriore destra (“colpa mia”). Via libera a Mabellini, per lui 12’24’’3 e posizioni modificate alle sue spalle. Rossetti secondo a 13’’, Pedersoli a 14’’, Fontana a 14’’6. Foratura per Bravi, fine dei giochi ad alta quota. Anche la prima “Barcis – Piancavallo – Icio Perissinot” (14,900) ha rimescolato le carte: piede giù di Fontana in 9’51’’0 per scalare al secondo post staccato di 11’’9, Rossetti terzo a 14’’6, Pedersoli a 17’’6. Oltre i 30’’ l’austriaco Simon Wagner, oltre i 50’’ Marco Zannier (entrambi su Skoda), migliore dei locali. La ripetizione da Barcis ha confermato che la prova è nelle corde di  Fontana, 9’46’’1, però Mabellini ha ceduto solo 1’’6, Rossetti e Pedersoli separati da 4’’5 nel totale, Testa a 38’’5, Wagner a 38’’8, gli altri oltre il minuto. Tifo da stadio al Monumento di Collalto come ai vecchi tempi, il Piancavallo che sta tornando grande. Ripassaggio su “Manazzons”, timbro di Fontana in 4’10’’8, distacchi minimi e classifica invariata, con Mabellini che si è tenuto 8’’9 prima dell’epilogo su “Pradis”, dove per non lasciare nulla al caso ha graffiato in 12’21’’0 chiudendo la pratica decisiva.
 
CLASSI. Successo di N5 per Pietro Porro e Paolo Garavaglia su Toyota Yaris, 15. assoluto conquistato dall’ex presidente del Como calcio che si diverte con i traversi. Al bando la scaramanzia, invece, per un fenomeno a casa sua.  “Zeta”, ovvero Diego Valente su Peugeot 106 navigato da Denis Piceno, che ha firmato uno straordinario 17. posto assoluto, primo di Classe A6 e delle 2 ruote motrici. Davanti anche alle muscolose Renault Clio Super 1600, sulle quali ha primeggiato Alberto Feragotto affiancato da Francesco Maggiolino, per il loro la 20. posizione assoluta. In A7, vetture 2 litri con motore aspirato, affermazione di Stefano Paronuzzi e Massimo Falomo su Renault Clio Williams. Gli “chef” Giampaolo Bizzotto e Sandra Tommasini si sono imposto nell’agguerrita Rally4 con 8’’ di margine su Gianluca Saresera e Luca Beltrame, entrambi gli equipaggi su Peugeot 208. Divario di 15’’ invece nella Rally4/R2 che ha premiato Matteo De Sabbata e Giulio Barbiero davanti a Stefano Facchin ed Elia Ungaro, beniamini dei maniaghesi. Rally5 che ha incoronato Matteo Doretto e Andrea Budoia, largamente primi su Renault Clio, protagonisti stagionali del tricolore Junior. Sette le vetture N2 che hanno completato la gara, soddisfazione del primato per Mattia Grassi e David Barichello su Peugeot 106 S16. In N4 i soli austriaci Christian Reschenhofer e Manfred Cerny su Bmw 325 E36 Coupé, ma festeggiati dai loro supporter con vessillo nazionale adagiato sul cofano. In N3 sigillo di Davide Pinosa e Sara Chiesura su Renault Clio. Infine arrivi in solitari quelli di Renzo Rampazzo e Arnaldo Panato su Clio R3, Stefano Maccagnan e Jenny Maddalozzo su Citroen Saxo Vts K10, Alessandro e Giada Bravin su Clio RS 2.0 Plus, Roberto Sbalchero e Felice Martin su Clio RS 2.0, Francesco e Veronica Girardi su Fiat Seicento di Classe A0.
 
STORICO. Dominio dall’inizio alla fine dell’equipaggio Pessot festeggiando il debutto dello junior sul sedile di destra dopo aver vinto il corso navigatori di Knife Racing l’inverno scorso. Tempo totale dei vincitori 1:07’53’’7, ma è stata una bella sfida con Andrea Marangon e Simone Scabello su Honda Civic 3Doors, secondi a 9’’7, unici a tenersi vicini, perché il terzo posto di Daniele Danieli e Cristina Merco su Fiat Ritmo 130 Abarth segna un distacco di 2’39’’4. Forse ci si poteva aspettare un piazzamento da podio per la stupenda Lancia Stratos di Olindo Deserti con Luigi Pirollo alle note, quarto posto a 3’02’’4, ma l’impatto sul pubblico è stato comunque di altissima suggestione. Hanno raggiunto il traguardo anche Daniele Martinello e Silvia Mosena con un’altra Fiat Ritmo 130 Abarth, precedendo nell’ordine Elio e Rebecca Tinello De Caneva su Audo Quattro, Alberto Ferrara e Matteo Barbiero su Volkswagen Golf Gti.
 
MERAVIGLIA. Una nota a margine del 36° Rally Piancavallo, organizzato da Knife Racing su Mandato dell’Automobile Club Pordenone. Il rally è sempre un viaggio alla scoperta di un territorio. Gli equipaggi lo fanno di corsa, lottando con il cronometro, ma se lo imprimono nella mente a forza di note. Il pubblico che segue le prove speciali, non solo gli appassionati, ha il tempo di guardarsi attorno e scoprire meraviglie. Il Piancavallo, con escursioni sulle valli pordenonesi, gliene offre a piene mani e può menare vanto non solo di un’organizzazione maniacale nei dettagli, ma di rivelare luoghi isolati e genuini di rara bellezza, ancora e forse per sempre immuni dal turismo di massa.
Fonte: ufficio stampa
Foto: 2emmephotorace e Andrea Scandella

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
continua con gli

Articoli Correlati

Lussorio Niolu vince il 1° ABC Motor Challenge

Il portacolori dell’ABC Motorsport, Lussorio Niolu al volante di una Suzuki Prosport, ha vinto la prima edizione dell’ABC Motor Challenge organizzata sulla pista di Tramatza dall’ABC Motorsport e dall’associazione Bono Corse. Niolu ha preceduto il compagno di scuderia Roberto Idili su Kawasaki I.R. Sport, mentre sul terzo gradino del podio è salito Enea Carta su

Poker di Faggioli alla Salita del Costo

Un finale mozzafiato consegna al campione fiorentino la quarta vittoria nella cronoscalata vicentina per 4 decimi su Merli. Fazzino completa il podio. Moessler si aggiudica la gara delle auto storiche. È Simone Faggioli ad aggiudicarsi la 31^ Salita del Costo al volante delle Nova Proto NP-01, firmando la vittoria con la quale il pilota fiorentino

Il 48° Trofeo Maremma parla reggiano: vittoria per Tosi-Costi (Skoda)

Il celebre rally organizzato da Maremma Corse 2.0, secondo atto della Coppa di 7^ zona, è rimasto incerto fino all’ultimo metro di gara, con il successo andato all’equipaggio emiliano, passato a condurre da metà gara approfittando del terreno perduto dal locale Alessio Santini (Citroen C3 WRC plus), incappato in una foratura a metà gara, quando

Giandomenico Basso e Lorenzo Granai vincono il 18° Rally Regione Piemonte

Il piota veneto porta al successo la Toyota Yaris Gr con la quale ha esordito al Rally “Il Ciocco”. Seconda posizione per il francese Lefebvre – Terzo Campedelli. Nel CIAR Junior il primo acuto è di Matteo Doretto e Marco Frigo. Rachele Somaschini prima nel femminile. L’appuntamento di apertura del GR YARIS CUP va al

error:
Torna in alto